Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Nervosismo e troppi errori, Civitanovese risucchiata a meno sei: così è dura

img
Mercanti espulso contro il Loreto

PROMOZIONE – Rossoblu raggiunti due volte dal Loreto a causa di disattenzioni in area, un capitano come Mercanti non può incassare simili espulsioni

di Aldo Caporaletti

E’ terminato in parità il big match di Promozione tra Civitanovese e Loreto, mentre l’Atletico Ascoli, che ha regolato in casa in appena 25′ (tanti sono bastati a Giovannini per segnare una doppietta) la “cenerentola” Monterubbianese, è tornato a correre in classifica, dopo aver perso l’imbattibilità nel turno precedente. La restante parte della gara è stata di controllo, eccezion fatta per il tris calato nel finale dal neo acquisto dicembrino, Garbujo. Nella prossima giornata, tanto per gradire, la formazione picena aspetterà, di nuovo al Picchio Village, il Montecosaro.

Si diceva del pari maturato al Polisportivo tra due squadre che si temevano, ne sono state la prova le scelte tattiche: mister De Filippis per sostituire il “fantasista” Iacoponi ha optato per il mediano Bertocco e il collega Moriconi per dare spazio al rientrante Garbuglia ha arretrato Garcia, regista davanti alla difesa. Ai rossoblu non è bastato passare in vantaggio due volte con Tittarelli e Falkenstein per avere la meglio. La svolta, mentre i locali pensavano di mantenere il risultato, è avvenuta alla mezz’ora della ripresa: Mercanti si è fatto espellere per fallo di reazione e ha lasciato i suoi in 10. Il tecnico rossoblu è stato costretto a togliere la punta Ribichini, i lauretani si sono buttati in avanti e nel finale hanno acciuffato il pari. Capitan Mercanti è civitanovese, ciò fa piacere ai tifosi, ma non mostra la freddezza richiesta dal ruolo: un “discorsetto” alla ripresa degli allenamenti mister De Filippis dovrebbe farglielo. Le due reti del Loreto (Garbuglia e Alessandrini) sono state frutto di errori nel cuore dell’area: nel prossimo turno, con la possibilità di impiegare l’under Catinari a centrocampo, si potrebbe pensare di riproporre al centro della difesa Martins. Nota a margine, per il controllo riservato, Spagna e Massei non hanno brillato come al solito.

Il flop di giornata è arrivato invece, dall’Helvia Recina, dove la Maceratese ha ottenuto un misero pareggio, per giunta rischiando, con l’Atletico Centobuchi, battuto nel turno precedente a domicilio dalla Civitanovese. Un passo falso che è costato la panchina a mister Daniele Marinelli, prontamente rimpiazzato da Nocera. I biancorossi hanno chiuso in vantaggio il primo tempo, ma sono stati dominati nella ripresa dai piceni, che hanno segnato due gol (con il neo acquisto Giansante e Andrea Liberati), prima di subire il pareggio nel finale con una punizione-cross terminata in rete. La manovra della Maceratese si è affidata a giocate singole, prova ne sono i due gol determinati da prodezze personali dell’esterno Gabaldi. I biancorossi hanno confermato problemi enormi a centrocampo dove, nonostante l’assenza di Perfetti per uno stiramento che lo terrà fermo per diverso tempo, è notte fonda e giocatori di categoria, come capitan Calvaresi, ne approfittano. Non si capisce perchéè la società biancorossa si sia privata di quasi tutte le alternative a centrocampo: un elemento valido in fase di impostazione come Bonifazi bisognava tenerlo. Mister Marinelli, non avendo di meglio in panchina non ha potuto che impiegare la quarta punta, aumentando la confusione in attacco. I problemi forse sono in una società senza ruoli definiti e programmazione: figure dirigenziali essenziali a quanto si apprende “non tesserate” e in una tela (rosa dei giocatori) tessuta in estate da un soggetto (Proculo) e disfatta in inverno da altri (Dg in pectore?) senza criteri oggettivi.

Nella prossimo turno, mentre l’Atletico Ascoli si prepara a “castigare” in casa la cenerentola del girone Montecosaro, Civitanovese e Maceratese sono attese da trasferte insidiose. I rossoblu a
Corridonia, che pur con numerose assenze e un portiere infortunato, ha espugnato il difficile terreno del Portorecanati; i biancorossi dal derby con l’Aurora Treia, da cui furono battuti la scorsa stagione nell’ultima di campionato: risultato che gettò la Rata negli spareggi playoff e nella morsa dell’Atletico Ascoli.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar