Neglia canta Coma_Cose, tutti in ansia per Cognigni

PAGELLE FERMANA – Samuele ha “Fiamme negli occhi” come il gruppo di Sanremo e dimentica Carpi, Luca rischia un lungo stop

di Lorenzo Attorresi

Ginestra 6: qualche minuto prima del gol aveva iniziato a “sclerare” con i compagni. Gino forse se lo sentiva. Decisivo quando lancia Cais e Brero lo stende ai limiti dell’area.

Bonetto 6: benissimo con il Cesena, giusto confermarlo anche da terzino destro adattato. Buona prima frazione, sostituito perchè ammonito (ingenuamente).

Sperotto (1’st) 6: un altro che meritava il posto valutata l’infrasettimanale, ma parte dalla panca. Entra nella ripresa per far alzare Mordini, si presenta con un bel tacco, poi una castagna mancina che sfiora il 2-0. Qualche passaggino sufficiente, tanto che dalla panchina si alzano le voci: “Spero, mi raccomando concentrato”.

Manetta 6: ancora in campo dopo il rosso a Carpi, Cornacchini gli dimostra molta stima. Marco fa il bravo e non commette “manettate”, anche se sul gol incassato è da rivedere.

Scrosta 5.5: qualcosa su quel cross di Carpani non ha funzionato. Fuori posizione nel primo tempo su un tacco di Nepi che innesca un’azione promettente.

Rossoni 5.5: primo tempo da esterno alto sacrificato, ripresa da terzino. Sul pareggio si fa anticipare. S’addormenterà ascoltando in replica Arisa a Sanremo: “Potevi fare di più”.

Urbinati 6: si annulla con Gentile.

Graziano 5.5: la squadra non è ben posizionata quando il Fano crossa e va in gol. Graziano appare in ritardo, due minuti dopo arriva il cambio. Aveva sfiorato il 2-0 di testa.
Grbac (37’sv) sv

Neglia 7: nel Sanremo del Mancini, Samuelino si ispira ai “Coma_Cose”. Le sue “fiamme negli occhi” bruciano l’erba, quando accelera non lo prende nessuno. Vede il gol e incendia Viscovo, tra l’altro sfatando un’altra considerazione: “da destra è meno decisivo”. Alla faccia… Con un po’ più di cattiveria avrebbe fatto il 2-0. Ma che reazione dopo il doppio rigore sbagliato a Carpi…Una settimana fa, mica un mese…

Mordini 6.5: subito una punizione con cui timbra il palo, accompagna discretamente e va al cross. Nella ripresa si alza ma da esterno alto potrebbe essere più incisivo.

Cognigni 6: inizio a mille all’ora a immaginare una domenica da “Cogno Pop”, altrochè “Combat Pop” (cit Lo Stato Sociale). Gol regolare annullato dopo pochi minuti, poi si fa male per troppa generosità gettandosi su un pallone che Viscovo aveva già in mano. Caviglia ko, si teme che il suo campionato sia finito (legamento?). Bisogna incrociare le dita.
Cais (28’st) 6.5: meglio rispetto al solito, gioca di sponda e partecipa effettivamente al primo gol prolungando di testa per D’Anna il quale prolunga di piede per Neglia. Giallo o rosso che sia, ha il merito di far buttare fuori Brero prendendogli la posizione su un rinvio di Ginestra.

D’Anna 6.5: due assist simili per Neglia, un gol e un quasi due a zero. Sa giocare al calcio. Esce e i suoi beccano gol, ma è solo un caso.
Grossi (33’st) sv: 4-1-4-1 finale.

Cornacchini 6: con rosa e scelte risicate sta facendo il massimo anche se la gestione degli ultimi 15′ non ha convinto, proprio come era accaduto con il Cesena mercoledì. Lascia due punti nella sua Fano, incassa le parole poco edificanti del presidente granata Fattò Offidani ma si rifà con il post su facebook di un tifoso fanese che scrive: “Cornacchini non si offende, si rispetta”.

Fontani di Siena 4.5: arbitro i-na-de-gua-to. Riesce in un colpo solo a far imbestialire tutti. Con la collaborazione del segnalinee annulla un gol regolare di Cognigni, poi non fischia un fallo per il Fano e sul proseguimento considera un rosso da “dogso” la trattenuta di Brero a Cais, anche se quest’ultimo non è in possesso del pallone: meglio un giallo? Fa più danni della grandine.

CRONACA DI FANO 1-1 FERMANA

LE PAGELLE DEL FANO

error: Contenuto protetto !!