“Musica per rEsistere”, alla riscoperta della musica classica: “Abbattere muro tra artista e pubblico”

Lucia Nicolini, pianista, a capo del progetto musicale: “Durante i concerti creiamo momenti interattivi coinvolgendo la platea”

di Maikol Di Stefano

Musica per rEsistere, è questo il nome del progetto musicale nato a Porto Potenza Picena dopo la pandemia è che si prefigge l’obiettivo di salvaguardare il movimento musicale cittadino per giovani e adulti. A guidarlo Giorgio Monteriù e Lucia Nicolini, due pianisti del conservatorio di Fermo. “I primi appuntamenti di musica classica si sono tenuti nel 2020 con una maratona musicale partita all’alba e terminata al tramonto”. Spiega direttamente Lucia Nicolini. Un momento entrato nel cuore dei residenti del comune costiero e che per questo 2022 sarà replicato e incrementato da un progetto per bambini che si chiama “il paese musicale”.

La riscoperta della musica classica è il cardine di Musica per rEsistere. “L’obiettivo è quello di abbattere il muro tra artista e pubblico, siamo convinti del fatto che per comprendere la musica classica ci sia bisogno di una guida che aiuti ad entrare in intimità con lo spettacolo che stanno seguendo. – prosegue Lucia – Ed è ciò che facciamo durante i concerti, creando momenti interattivi dove è la musica al centro e l’artista l’accompagnatore, il pubblico colui che ne trae beneficio. Uguale progetto si vuole esportare ai bambini, sconfessando chi dice che la musica classica li annoi o non li coinvolga. Invece abbiamo visto , spiegata nel modo giusto, sappia coinvolgere nell’intimo le emozioni dei più piccoli”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana