Monti mette il turbo alla Civitanovese

Monti e Profili

PROMOZIONE, L’ANALISI – L’acquisto del forte portiere potrebbe spostare gli equilibri nel girone

L’acquisto di Michele Monti potrebbe spostare gli equilibri nel girone B del torneo di Promozione. La Civitanovese, per mano dell’uomo mercato Giulio Spadoni, ha messo a segno un autentico colpaccio per la categoria. Nelle ultime settimane si era evidenziato in casa rossoblu il problema del portiere ed ecco che la società è corsa ai ripari con un top player per la categoria. Monti, classe 1999, ed ex Notaresco, Montevarchi e Messina in serie D sarà a disposizione di mister Buratti sin dalla prossima gara di sabato in casa del Montecosaro.

Giulio Spadoni, ds Civitanovese

Un innesto pesantissimo volto anche a dare un messaggio forte e chiaro alle altre pretendenti alla vittoria finale: “Noi ci siamo e vogliamo fare di tutto per vincere questo campionato” sembrerebbe il messaggio dei rossoblu. Dando un’occhiata alle ultime due gare i rossoblu hanno lasciato per strada dai 3 ai 5 punti a causa delle ingenuità del numero uno De Marzo: in casa del Chiesanuova l’1 a 0 finale è arrivato a causa di una palla che poteva essere senza dubbio
parata dall’estremo difensore mentre nel derby con la Maceratese due uscite clamorosamente a vuota hanno permesso ai biancorossi di pareggiare la sfida. Con l’innesto di Monti (e il conseguente arrivo di Rossini come under in mediana) è logico che un over in mezzo al campo sarà via via sacrificato ma la stagione è lunga e avere una panchina importante sarà decisivo.

Non si sono invece ancora mosse ufficialmente sul mercato Chiesanuova e Maceratese, le due maggiori antagoniste ai rossoblu per la vittoria finale (almeno ad oggi). Il Chiesanuova dimostra di essere una squadra solidissima e sabato è chiamata ad un’altra partita importante in casa del Monturano, che ha cambiato guida tecnica a inizio settimana. La società treiese vorrebbe provare a vincere il torneo e per questo motivo è vigile sul mercato. Possibile un innesto in difesa (Canavessio o Trombetta?) ma non è da escludere anche in altri ruoli. In casa Maceratese invece dopo l’addio al preparatore atletico Pagliari “per divergenze gestioni” possiamo dire la società è alla ricerca innanzitutto di un preparatore atletico dato che Antinori, che sembrava in pole, non seguirà i biancorossi da qui a fine torneo.

Nico Canavessio

Oltre alla figura del preparatore sembra lampante che la rosa dei biancorossi debba essere completata. In mediana manca un regista capace di dettare i tempi e Nocera ha in rosa zero esterni offensivi quindi almeno uno o due pedine in quel ruolo sembrano obbligatorie per migliorare la rosa e puntare al vertice. Altro enigma da sciogliere la possibile convivenza tra Mastronunzio e Tittarelli: i due hanno medesime caratteristiche e difficilmente potrebbero giocare insieme.

L’unica ipotesi per vederli bene in campo sarebbe quella di giocare con il 4-4-2 con due esterni forti e abili ad andare sul fondo e mettere la sfera al centro cosa che oggi non esiste nella rosa dei biancorossi. Molto interessante capire se mister Nocera domenica li metterà in campo insieme o lascerà uno dei due in panchina pronto per l’utilizzo a gara in corsa. Una cosa è certa: questo torneo di Promozione è avvincente e lo sarà probabilmente fino alla fine.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi