Montecosaro, urge una svolta: il Mariotti è un tabù

Poggi, allenatore del Montecosaro

PROMOZIONE B – Ai giallorossi manca ancora il primo successo casalingo, trend da invertire col Portorecanati per sognare la salvezza

di Lorenzo Attorresi

Ha tanti obiettivi, in uno il Montecosaro di mister Poggi. Fare punti per rientrare nella corsa play out, vincere per fare il pieno di fiducia in vista del rush finale, ma soprattutto espugnare il suo campo Mariotti dove in stagione non ha mai brindato. Strano a dirsi ma è così: nel fortino casalingo, quello in cui le piccole dovrebbero costruire le loro fortune, il Montecosaro ha ottenuto in 10 gare solo 5 pareggi e 5 sconfitte, l’ultima delle quali sabato scorso con la Futura ’96 in uno scontro diretto per la salvezza (beffardo 0-1).

Il calendario, dopo la sfortunata prova con i fermani, offre subito un’altra possibilità di sfatare la cabala negativa: sabato a Montecosaro arriverà infatti il Portorecanati. E’ chiaro che i padroni di casa non possono più rimandare se davvero vogliono coltivare speranze. Devono anche approfittare del momento poco felice del Portorecanati che nel 2020 non ha mai vinto totalizzando solo 2 pari in 6 uscite.

Poggi ha tutta la rosa a disposizione (recuperato anche l’argentino Schweizer dalla squalifica) e spera pure di tornare al gol che manca da tre partite. Diventa fondamentale smuovere la classifica anche in vista della partita della vita del turno successivo: ad Ascoli si giocherà Monticelli-Montecosaro (attualmente entrambe a 11) match delicatissimo per allontanare gli spettri di retrocessione diretta.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia