Migranti stremati dal freddo, un uomo colto da malore

Episodio al Passetto di Ancona, ad aiutare queste persone il gruppo dei City Angels

Continua il dramma dei migranti al Passetto di Ancona dove nel fine settimana sono arrivate altre persone tra cui un uomo di 67 anni. Una situazione piuttosto complicata basti pensare che proprio sotto l’ascensore del Passetto dormono una quindicina di persone tutti uomini di origini pakistane. Uno di questi stremato dal freddo nella notte compresa tra venerdì e sabato è stato portato in ospedale.

Sul posto a portare degli aiuti il gruppo dei City Angels guidati da Patrizia Guerra: “Non facciamo in tempo a raccogliere del materiale che ci arrivano altre richieste. Al Passetto abbiamo portato delle coperte, dei maglioni, un paio di sacchi a pelo e tanto abbigliamento peraltro nuovo di zecca che ci è stato donato da una famiglia anconetana. La situazione è drammatica, il numero delle persone che dormono sotto il Passetto è aumentato in modo considerevole. Al momento davanti agli ascensori si trovano una quindicina di poveri disperati che hanno bisogno di tutto. Noi cerchiamo di fare del nostro meglio, abbiamo portato anche delle bevande calde ma le istituzioni non possono voltare le spalle di fronte a questa situazione”.

Un dramma umano, basti pensare che tra questi pakistani c’è un ragazzo che da quasi 6 mesi attende di regolarizzare la propria posizione in Italia. Ma il rifugio del Passetto non è l’unico segnalato nel capoluogo di regione. Altri poveri disperati dormono dalle parti del parcheggio degli Archi in via Mamiani, alla Stazione Marittima, in via Montebello e dalle parti della Questura di Ancona in via Gervasoni così come in piazza Fontana. In poche parole un’emergenza umanitaria che di fatto è sfuggita di mano e che vede in prima linea le varie associazioni di volontariato che si adoperano per cercare di aiutare queste persone quando in realtà servirebbe un altro tipo di intervento con il coinvolgimento delle istituzioni e delle stesse associazioni.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS