I primi produttori di automobili per fatturato

I primi produttori di automobili

Il mercato automobilistico globale è in costante movimento. Dopo anni difficili a causa della pandemia prima e della crisi dei semiconduttori poi, il settore sta lavorando duramente per cercare di tornare ai livelli di un tempo. In generale, in un contesto economico non particolarmente florido come quello attuale, i consumatori sono chiamati a cercare nuove strategie per rispondere alle proprie esigenze e, da questo punto di vista, è il web a correre in soccorso con risorse del tutto nuove. Come ad esempio i siti di ecommerce dedicati ai ricambi usati originali, sempre più popolari  per la qualità del servizio e l’ampiezza del catalogo offerto agli utenti, fra cui è possibile trovare anche ricambi Opel originali ricondizionati e di tanti altri brand automotive.

Progressi tecnologici e cambiamento delle preferenze

Il valore totale del mercato automotive a fine 2023 era di circa 3,5 trilioni di dollari, grazie ai grandi progressi tecnologici e alle transizioni in corso verso modelli più sostenibili, ma anche in virtù di un costante rinnovamento delle esigenze, dei gusti e delle preferenze dei consumatori. Tenendo conto che la crescita complessiva del mercato ammontava a circa 2,7 trilioni nel 2021, il tasso di crescita annuale composto del 3% si spiega anche con l’aumento dei redditi disponibili per le fasce più agiate e con la maggiore domanda di auto di alta gamma come i SUV.

Auto elettriche al centro

Tra le varie tendenze riconoscibili nel mercato automobilistico attuale, quella più evidente riguarda la crescente rilevanza e l’incremento della domanda di veicoli elettrici. Dopo un periodo di scetticismo sulla qualità di questa tipologia di mezzi, le ultime analisi dimostrano che i consumatori cercano sempre più abitualmente questa soluzione. Nei primi mesi del 2023, per esempio, sono stati venduti più di due milioni di veicoli elettrici e il modello di auto più immesso sul mercato, per la prima volta nella storia, era un full electric. In percentuale, la crescita corrisponde a circa il 25%, costringendo alcune fra le principali aziende a cercare di stare al passo adottando strategie sempre nuove.

La necessità di una transizione

Ci sono altri dati che dimostrano quanto sia solida questa tendenza. Toyota ha stipulato diversi accordi direttamente con i produttori di batterie, garantendosi la possibilità di costruire 3,5 milioni di veicoli elettrici entro il 2030, ma ad adattarsi è anche General Motors, che ha posticipato la produzione di camion elettrici dallo scorso anno per focalizzarsi sulla produzione di veicoli elettrici nel corso del 2024. Anche un altro colosso del settore come Ford mira a produrre veicoli ibridi, quindi anche con alimentazione a benzina, in grandi quantità per poter soddisfare la domanda di alternative sostenibili senza dover passare direttamente ai veicoli elettrici. Le politiche aziendali, dunque, sono sempre nuove e diverse, ma tutte protese a cercare di conciliare contingenze economiche e aspettative dei consumatori.

Chi fattura di più

Secondo le ultime rilevazioni, il gruppo industriale che ha primeggiato nel corso del 2023 in termini di fatturato è stato Volkswagen AG, con ricavi per oltre 318 miliardi di dollari, inseguito a distanza da Toyota Motor Corporation che, come già visto, sta intensificando la produzione di EV, ma che fa registrare ottimi risultati anche in altri segmenti, piazzando alcuni modelli tra i veicoli più venduti dell’anno, con ricavi totali che hanno raggiunto 286,15 miliardi di dollari. Il podio è completato da Stellantis N.V.: il conglomerato multinazionale vanta un fatturato annuale che si aggira intorno ai 200 miliardi di dollari.

Fuori dal podio

Al quarto posto nella classifica di fatturato c’è Ford, con quasi 170 miliardi di dollari negli ultimi dodici mesi di rilevazione, mentre General Motors ha fatto passi avanti in termini di capacità produttive e i ricavi, molto vicini a quelli di Ford (169 a giugno 2023), testimoniano questa grande crescita. Circa dieci miliardi di fatturato in meno per il produttore di auto di lusso Mercedes-Benz Group (161,9 a giugno 2023) e BMW, con un fatturato di circa 158 miliardi. Honda, calcolando soltanto la produzione automobilistica, ha fatturato quasi 130 miliardi in un anno, stando alla rilevazione di giugno 2023, mentre Hyundai si è fermata a 118. Ultima con un fatturato maggiore di 100 miliardi (103) è SAIC Motor Corporation, ma occhio anche a Tesla: il produttore americano di veicoli elettrici, in base ai dati disponibili nel 2022, raggiunge i 94 miliardi di fatturato con stime in crescita.

Massiccia presenza asiatica

La centralità del continente asiatico per il mercato automotive è testimoniata dal sempre maggior numero di aziende rappresentate in queste classifiche. China FAW Group, per esempio, sfiora 88 miliardi di fatturato, 4,5 in più dei ricavi di Nissan. Guangzhou Automobile, invece, ha raggiunto quota 77 miliardi, battendo di pochissimo BYD (76,6). Anche Kia Corporation supera la soglia dei 70 miliardi (quasi 73), mentre Dongfeng Motor Company, Beijing Automotive Group e Zhejiang Geely Holding Group occupano un posto in classifica con dati di fatturato superiori a 60 miliardi. Ultima azienda rappresentata in top venti è Renault, con i suoi 55 miliardi di dollari di fatturato.

(articolo promoredazionale)

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS