Maturità 2024: è la notte prima degli esami: gli stati d’animo degli studenti

Ipotesi sulle possibili tracce

di Angelica Mancini

Anche quest’anno è arrivato il momento della celebre, quanto temuta, “notte prima degli esami”. Alle 8.30 di domani, mercoledì 19 giugno, più di 500.000 studenti torneranno nelle rispettive scuole per sostenere l’esame di maturità, iniziando con la prima prova scritta di italiano. Abbiamo chiesto ad alcuni di loro qual è lo stato d’animo e cosa si aspettano riguardo alle possibili tracce.

Sono abbastanza tranquilla, non mi sento tutta questa ansia addosso, a differenza di molti miei amici e compagni di classe – queste le parole di Jenny, studentessa del Liceo artistico Cantalamessa di Macerata. – Non so se sia un bene o un male non provare ansia, ma sento di aver fatto abbastanza durante questo anno scolastico. Forse, la principale preoccupazione riguarda la prima prova, ossia lo scritto di italiano, in quanto in 3 anni il prof che ho avuto non ci ha mai fatto svolgere un tema e di conseguenza non sono certa di saperlo fare nel modo più preciso possibile. Invece, per quanto riguarda la seconda prova, che per noi è quella di progettazione che si svolge in due giorni, ho un po’ di timore riguardo al tema che potrebbe uscire, ma in linea generale sono serena perché è la mia materia preferita ed è quella su cui punto maggiormente. Agli orali abbiamo come discipline esterne inglese, italiano, storia e filosofia. Mi dispiace per inglese, perché la nostra professoressa era davvero brava ed avrei preferito se ci fosse stata lei.

Per quanto riguarda le possibili tracce, mi aspetto sicuramente qualcosa in merito all’Intelligenza Artificiale. Questo poi è l’anno di Robert Oppenheimer di cui si celebrano i 120 anni dalla nascita e quindi potrebbe esserci qualcosa in merito al progetto Manhattane la bomba atomica. Non ho la minima idea, invece, di quello che potrebbe capitarci per quanto riguarda gli autori di italiano, anche perché nella mia classe siamo riusciti a completare solo metà del programma. Questa è la tipologia di traccia che più mi preoccupa, poiché è quella più tecnica, ma penso che per sceglierla si debba avere una preparazione assolutamente perfetta”.

Anche Lavinia, studentessa del Liceo Classico Annibal Caro di Fermo, afferma di essere più tranquilla del previsto: “Ad essere sincera, sto vivendo la maturità fin troppo bene: un minimo di preoccupazione c’è sempre, è comunque il primo importante esame che devo dare e che chiuderà un lungo capitolo dei miei studi, ma è contenuta. Forse, trovandomi lì in quei giorni, non sarò così tranquilla, ma come è normale che sia in un momento significativo. So, però, di aver lavorato bene durante l’anno scolastico e credo che i miei sforzi potranno essere ripagati. Per quello che riguarda le mie previsioni sull’esame, per la prima prova mi aspetterei di trovare D’Annunzio per la poesia e Pirandello per la prosa. Riguardo gli argomenti della traccia, credo verteranno su tematiche ambientali o sull’intelligenza artificiale o sulla situazione in Ucraina e Israele o sul tema della donna. Invece per la seconda prova, come autore greco mi sbilancerei o su Platone o su Plutarco, che, dagli archivi, vedo non uscire da un po’ di tempo”.

Ma c’è chi vive la maturità con maggiore apprensione, anche a causa del Covid e della didattica a distanza, che hanno inciso negativamente sulla preparazione degli studenti. “Ci siamo ritrovati improvvisamente in quinto superiore, senza neanche rendercene conto, con gli esami di Stato davanti a noi e molte lacune oggettivamente difficili da colmare, proprio perché nei primi due anni del liceo siamo stati “colpiti” dal Covid – ha affermato Leonardo, studente dell’IS Leonardo Da Vinci di Civitanova Marche, indirizzo linguistico. – Nella mia classe ci sentiamo un po’ tutti scoraggiati e credo che queta sia una sensazione comune in tutta Italia. Avevamo sperato che la seconda prova scritta fosse di inglese. Invece è uscito il cinese, nessuno si aspettava che questa prova riapparisse dopo tanto tempo perché non è esattamente semplice come lingua e presenta diverse difficoltà”.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS