Matteo, promessa del calcio marchigiano, stroncato a 17 anni da un aneurisma cerebrale

Si stava preparando a disputare il campionato regionale di Eccellenza con la maglia dell’Atletico Gallo

Non ce l’ha fatta Matteo Sanchioni. Il 17enne di Montelabbate aveva accusato un malore mercoledì notte e venerdì si è spento all’ospedale San Salvatore di Pesaro. Ad ucciderlo è stato un aneurisma cerebrale.

Già da qualche giorno il ragazzo non si sentiva bene ed era stato costretto anche a saltare gli allenamenti. Studente al liceo scientifico Marconi di Pesaro, Matteo, che aveva compiuto 17 anni lo scorso mese di luglio, amava tantissimo il calcio: cresciuto nell’Azzurra, era finito in prestito all’Atletico Gallo (campionato di Eccellenza).

La famiglia ha deciso di donare gli organi. Matteo oltre al papà, imprenditore, e alla mamma, lascia una sorella e un fratello. Da decidere la data del funerale, probabilmente non prima di lunedì nella chiesa parrocchiale di Montelabbate. L’Azzurra ha manifestato, attraverso il presidente Vichi, il desiderio di «deporre sulla bara la maglietta e la fascia di capitano». La partita di Coppa Atletico Gallo-Urbania di domenica è stata rinviata per lutto a mercoledì 20 settembe alle 20 allo stadio Varia di Urbino.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia