Matelica deve indicare un altro impianto: Macerata o Ancona?

Mauro Canil

SERIE C – I biancorossi entro il 5 agosto devono avere tutto a norma, cosa che nello stadio matelicese non sarà possibile

Il sogno per i tifosi di vedere subito il Matelica in campo al Giovanni Paolo II al debutto in serie C resta un’utopia. La società infatti, quanto emerso dal comunicato ufficiale della Figc inerente il nuovo sistema delle licenze nazionali per l’ammissione al Campionato Professionistico di Serie C 2020/2021, dovrà comunicare un altro stadio dove poter disputare le prime partite casalinghe.

La consegna ufficiale deve avvenire il 5 agosto, ma i lavori d’adeguamento del Giovanni Paolo II a un palcoscenico professionistico in quella data non saranno sicuramente ultimati. E ora il Matelica cosa dovrà fare? La società di patron Canil farà di tutto per tornare a giocare in casa a Matelica, ma almeno nella prima parte del prossimo campionato dovrà emigrare altrove. Le opzioni saranno due: il Del Conero di Ancona o il più vicino Helvia Recina di Macerata. Due stadi suggestivi per noti motivi, l’ultima parola spetterà alla società per decidere quale dovrà essere la “casa” dei biancorossi al debutto in serie C.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia