Marconi-Anconitana: “600 mila euro di budget per vincere l’Eccellenza”

Stefano Marconi, patron Anconitana

ECCELLENZA – Il numero uno fa il punto della situazione

Nonostante gli striscioni di protesta a firma Curva Nord appesi fuori dell’azienda di famiglia ma anche in altri punti della città il presidente Stefano Marconi ha fatto il punto della situazione ai microfoni di Radio Tua «I tifosi mi hanno chiesto di evitare di mettere becco sulle questioni tecniche per tale motivo ho deciso di ingaggiare due professionisti come Pieroni e Arcipreti per allestire una squadra capace di vincere il campionato di Eccellenza. Molti giocatori non sono venuti per la questione legata alla categoria ma è anche vero che sono stati commessi degli errori imperdonabili in sede di trattativa con alcune pedine. Una volta raggiunto l’accordo gli si doveva far firmare la lista per il tesseramento e invece a molti gli è stata data la possibilità di prendersi una pausa e andare da altre società e giocare al rialzo. Personalmente sono orgoglioso dei ragazzi che sono venuti, tanto ci hanno chiesto tanto gli abbiamo dato e in pochi minuti hanno firmato il tesseramento. Dalla campagna acquisti mi aspetto qualcosa in più cosi come se lo aspettano i tifosi. La famiglia Marconi quest’anno ha messo sul piatto della bilancia 600.000 euro penso che siano sufficienti per vincere il campionato».

Sulla stessa emittente è poi intervenuto il ds Alvaro che ha dato la sua versione circa il mancato tesseramento di Diego Zannini «Il ragazzo è stato in prova con noi per 2 settimane e sapevamo che sarebbe venuto a costo zero fino a che non ci è stato chiesto un rimborso mensile ecco spiegato il motivo della rinuncia da parte dell’Anconitana. Tra venerdì e sabato arriveranno due giocatori dalla Lega pro che saranno in campo sabato nell’amichevole di Osimo».

Per quello che riguarda il campionato la prima giornata per i dorici potrebbe essere anticipata a sabato 26 settembre con Marina e Anconitana che potrebbero affrontarsi al Goffredo Bianchelli di Senigallia senza pubblico sugli spalti anche se nelle prossime ore qualcosa potrebbe cambiare con l’uscita di un nuovo protocollo.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia