Maceratese, più luci che ombre dal test col Montefano

Francesco Nocera, tecnico della Maceratese

CALCIO – Ottimo l’apporto del plotone argentino, decisivo per la stagione

Sono più gli elementi positivi che quelli negativi in casa Maceratese dopo il test, probante, con il Montefano di mister Lattanzi. Al di là del risultato (1 a 0 per i viola) il match ha dato delle chiare indicazioni a mister Nocera: il plotone argentino sarà chiaramente il traino di tutto il gruppo sia in campo che fuori e le fortune dei biancorossi passeranno da questo zoccolo duro. Le prime impressioni sono buone, anche se non per tutti tatticamente parlando.

Nico Marino, difensore Maceratese

Nella squadra che ha giocato il primo tempo (con un solo under però anziché due) le note positive arrivano sicuramente da Marino che ha giocato una gran gara; molto bene anche Micucci che da terzino destro ha dimostrato tutto il proprio valore. A completare il pacchetto arretrato Mercurio e Telloni, entrambi con giudizi positivi sulla gara.

In mediana Nocera ha provato ad alternare varie soluzioni tattiche: si è passati dal 4-2-3-1 al 4-3-3 con l’incognita principale nel ruolo di play davanti alla difesa. In rosa non sembrano esserci profili perfetti al ruolo di regista. In quella posizione si sono alternati Perez e Vechiarello ma nessuno dei due ha quelle caratteristiche specifiche. Forse Miramontes potrebbe essere provato avendo un piedino di ben altra categoria.

Carrion, attaccante Maceratese

Altra lacuna evidente è quella di un altro esterno capace di saltare l’uomo: Ruibal è bravo e dall’altra parte ne servirebbe un altro. Per questo motivo la società dovrebbe chiudere con Agostinelli per inserirlo nel team. Dubbi sul centravanti: con Dell’Aquila ancora ai box per acciacchi fisici a giocare in quella posizione è stato Carrion. Giocatore molto generoso ma non un vero goleador (ripreso a più riprese bonariamente dalla panchina proprio dal mister su questioni tattiche).

Per il discorso under è ancora prematuro fare valutazioni ma ad oggi sembrerebbe che Giustozzi e Massini siano di alto profilo per la categoria, degli altri non si può dire propriamente la stessa cosa. Tutto sommato i giudizi sono comunque positivi perché l’avversario, il Montefano, è destinato a fare un buon campionato in Eccellenza e inizierà il campionato domenica prossima cioè quasi un mese prima dei biancorossi.

Sicuramente se la società seguirà le indicazioni di un mister navigato come Nocera le basi per vincere il torneo di Promozione ci sono.

Articoli più letti della settimana