Maceratese, l’intelligenza sarà fondamentale per far nascere un grande progetto

Sandro Parcaroli, Sindaco di Macerata

Sindaco, Canil e Crocioni dovranno mettere al centro la città partendo da considerazioni logiche e oggettive

Le parole del Sindaco e dell’Assessore allo sport sono chiare: “La Maceratese merita altro”. E l’occasione Canil è ghiotta, da non farsela sfuggire. Sarà un’operazione dove tutti dovranno mettere intelligenza per renderla operativa.

La priorità assoluta è quella di formare una Maceratese solida e con prospettive future importanti. E qui ci sono due considerazioni oggettive da fare. Mauro Canil ha dimostrato di riuscire a fare i “miracoli” a Matelica figurarsi quello che potrebbe fare a Macerata. E dall’altro canto il numero uno della Maceratese attuale Alberto Crocioni si può ringraziare per l’impegno ma sicuramente non c’è mai stato un momento da quando è partito questo progetto che potesse realmente avvinarsi al meritare di chiamarsi Maceratese. Al netto di queste due considerazioni oggettive sembra logico che i vari interpreti debbano sedersi intorno a un tavolo e trovare la quadra per il bene della città e per rilanciare proprio la bellissima Macerata, ancor più dopo un anno terribile a causa del Covid.

Alberto Crocioni, Presidente Maceratese

La Politica? Forse in passato è stata da ostacolo a un progetto importante che mettesse al centro Macerata. Il nuovo Sindaco Parcaroli sa benissimo che il rilancio della città passa anche dal calcio e dal creare un progetto importante per un capoluogo che merita tanto. Non è da escludere che sarà proprio il primo cittadino a “tirare le fila” e far ragionare i vari interpreti per un qualcosa che potrebbe veramente essere bellissimo per la città.

Sicuramente non sarà semplicissimo trovare la quadra giusta ma la sensazione (chiaramente il Matelica deve pensare a salvarsi sul campo adesso) è che la strada possa essere quella giusta per tutta una serie di situazioni che si sono intrecciate. E altra cosa sicura è che Crocioni non dovrà uscire senza nulla in mano. Insomma, una situazione per un certo verso complicata ma dove l’amore per Macerata e l’opportunità di realizzare un progetto di rilancio per tutta la città potrebbe davvero portare, con la regia intelligente del primo cittadino, a far rinascere una grande Maceratese.

Mauro Canil e l’assessore Riccardo Sacchi

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

error: Contenuto protetto !!