Maceratese, la mentalità di Mongiello è quella giusta… mentre la società continua negli autogol

PROMOZIONE – Il bomber dopo la tripletta di ieri ha detto a chiare lettere che la squadra deve salire in Eccellenza, senza nessun alibi a disposizione. Patron Crocioni invece continua a rimanere ancorato al progetto Helvia Recina

di Andrea Busiello

La roboante, e meritatissima, vittoria della Maceratese per 6 a 2 sull’Atletico Ascoli apre due filoni di pensiero: il primo è quello del grande rammarico per quello che poteva essere e non è stato (vittoria del campionato) e il secondo è invece il pensare positivo in vista di questo interessantissimo rush finale dove la formazione di Moriconi, a ragion veduta, vuole recitare un ruolo da grande protagonista. Nel mezzo le parole di Carlo Mongiello e l’autogol societario di venerdì scorso. Carlo Mongiello, a cui vanno i nostri complimenti per la mentalità, dopo la splendida tripletta contro l’Atletico Ascoli si è intrattenuto con i cronisti locali e ha fatto dichiarazioni non banali: “Noi siamo la Maceratese e dobbiamo a tutti i costi andare in Eccellenza. L’Eccellenza? Non basta nemmeno quello, per una piazza come Macerata si deve andare oltre”. Dovrebbero prendere spunto da queste parole piene di grinta e con la giusta mentalità per affrontare un campionato come quello della Promozione anche i vertici societari biancorossi, protagonisti venerdì pomeriggio di una conferenza stampa (aperta ai tifosi, quindi più vicina a un’assemblea pubblica che a una vera conferenza stampa) molto sui generis (ma forse l’inesperienza in materia del numero uno Crocioni ha portato a ciò o forse l’obiettivo era tendere una trappola a qualcuno). La comunicazione che doveva passare da questo incontro è sembrata la seguente: “Noi non accettiamo le critiche, siamo gli unici che hanno fatto ripartire la Maceratese e non gradiamo questo atteggiamento da parte della stampa. Anche se non andremo in Eccellenza noi abbiamo comunque fatto il massimo”. La domenica allo stadio non si contano oltre 150 – 200 unità all’Helvia Recina. Sarà mica che forse le critiche che la stampa rivolge alla società forse se prese dal punto giusto possono portare a una crescita della società stessa? A memoria non mi è mai capitato di sentir parlare il main sponsor in una conferenza stampa con l’unico obiettivo di rispondere a un articolo di qualche settimana precedente riguardante l’azienda. Sarebbe stato meglio parlare di tattica, programmazione o tecnica, anziché argomenti che con il calcio non c’entravano nulla. La presenza di Cappelletti per rimarcare che con l’Hr Maceratese non ha rapporti: ma in estate è stato ufficializzato come direttore sportivo. Bastava solo fare mea culpa e comunicare che, visto che il regolamento non lo prevede, non avrebbe potuto ricoprire quel doppio ruolo. Errori di inesperienza abbinati a un pizzico di troppa presunzione, ecco forse smussare un po’ la presunzione di guardare tutti dall’alto al basso potrebbe servire a questa società per poter crescere. E anche tessere dei rapporti umani potrebbe essere una soluzione intelligente, perché poi un sorriso e una pacca sulla spalla stemperano mille fraintendimenti. Anziché stare a pensare sempre ad alibi: il campo, gli arbitri, la stampa, la piazza. No, in primis c’è la società. E una società forte non cerca alibi, cerca solo di vincere. In qualsiasi modo. Magari comportandosi anche in maniera non spocchiosa, considerando che si è arrivati sotto i riflettori per la prima volta e un atteggiamento più sereno avrebbe pagato di più. Morale della favola: il passaggio da Helvia Recina a Maceratese non si è ancora completato e di ciò chissà che ne penserà il Sindaco Carancini. Ieri il primo cittadino era sugli spalti dell’Helvia Recina e magari avrà pensato: “Avrò fatto bene a dare fiducia, sostegno e benefit a questa società? Ne vale la pena dargli fiducia per un altro anno? Quello decisivo che porterà alle elezioni di maggio 2020?”. Tutte domande lecite, a cui il buon Carancini starà meditando a fondo.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS