Maceratese, il ko di Coppa figlio di un mercato inspiegabilmente immobile

Crocioni, patron Maceratese

ECCELLENZA – Il 5 dicembre litigio Pagliari-Crocioni per avere nuovi rinforzi: da quel giorno nessun innesto e per la finale erano note le squalifiche di Tortelli e Luciani

La clamorosa sconfitta, quantomeno per il risultato finale, della Maceratese nella finale di Coppa Italia d’Eccellenza contro l’Osimana è figlia di una gestione senza logica da parte del club del mercato e dell’avvicinamento a questa gara. Tutti ricorderanno la litigata tra il Presidente Crocioni e il mister Dino Pagliari per divergenze sul mercato del 5 dicembre (leggi): il tecnico voleva nuovi acquisti in rosa e la società non era di fatto propensa. Addio e giocatori a pregare mister Dino Pagliari nel fare un passo indietro (leggi). Il giorno dopo vaso ricomposto e tutti uniti magari con l’obiettivo di inserire a brevissimo nuove pedine. Tutti si aspettavano dunque che da li a breve la Rata avrebbe inserito almeno 2-3 pedine di spessore per provare a vincere la Coppa Italia d’Eccellenza e magari risalire in campionato. E invece prima della finale nessun arrivo. Anzi, il club sapeva già che avrebbe dovuto fare a meno di due pedine preziose per squalifica: Tortelli e Luciani. Già in mediana ci sono problemi evidenti in più l’assenza di Tortelli obbligava di fatto il club a organizzarsi per tempo per inserire un centrocampista importante capace di giocare la finalissima. Nulla di tutto questo. Di fatto dunque la Maceratese si è presentata a giocare una finale di tale importanza con tre soli over in panchina, di cui uno a mezzo servizio (Minnozzi) e con un centrocampo non all’altezza della situazione. La società aveva tempo per organizzarsi ma non ha voluto. Una decisione scellerata. E la delusione degli oltre 500 tifosi della Maceratese giunti a Senigallia è enorme: i supporter avrebbero meritato ben altro atteggiamento da parte della società con delle difficoltà oggettive di organico sotto gli occhi di tutti.

Andrea Busiello
Author: Andrea Busiello

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS