Maceratese e Civitanovese, sosta con lo stesso obiettivo: il mirino è sulla piazza d’onore

Francesco Nocera, tecnico della Maceratese

PROMOZIONE – Le due big cercheranno in tutti i modi di scalzare il Loreto alla ripresa del campionato

di Aldo Caporaletti

Negli ultimi turni la capolista Atletico Ascoli ha inanellato 2 pareggi, raramente riscontrabili nel cammino trionfale sinora compiuto nel girone B di Promozione. Il Potenza Picena ha imposto sul proprio terreno il pari, rimontando il vantaggio piceno con un gol di Iori, giunto al centro numero 17. Chissà quanti rimpianti in casa Civitanovese, che in estate aveva ingaggiato il forte centravanti. L’ex Camerino raggiunse poi il suo “mentore”, Santoni, a causa delle “fibrillazioni”
societarie rossoblu. Soltanto il Loreto ha approfittato del calo dell’Atletico e, confermandosi la sorpresa del campionato, ha ridotto il ritardo dalla testa ad appena 6 punti. Gli uomini di mister Moriconi sono reduci dalla vittoria di Corridonia, ottenuta nel finale con un gol del capocannoniere Garbuglia. La Civitanovese sullo stesso terreno, con i locali privi di molti titolari, infoltì il centrocampo per puntare al pari.

Filippini, tecnico dell’Atletico Ascoli

La Maceratese di Nocera, con in campo quasi tutti i titolari (ad eccezione dello squalificato Canavessio, rimpiazzato da Telloni) ha sbloccato la gara con la
“pericolante” Monterubbianese dopo un’ora di gioco. I fermani hanno pareggiano dopo appena 10′, poi ci si è messo l’arbitro senegalese (residente a Cuneo) ad inventare un rigore per i biancorossi, spianando loro la strada per la vittoria. Le immagini parlano chiaro: Castellano si è gettato addosso
al difensore Donzelli (per giunta ammonito) ed è stramazzato a terra. Rigore realizzato da Chornopyschuk, al cui lento recupero supplisce Papa, autore di una doppietta. Il terzo gol un regalo dei fermani, buttatisi in avanti alla vana ricerca del pari. Mister Nocera ha trovato il coraggio di lasciare in panchina Adami, su cui la società di Crocioni puntava molto, rimasto a diguino di reti.

Rata sempre in movimento, a pochi turni dalla conclusione del campionato è arrivato il nuovo ds, Gagliardini, approdato a Macerata subito dopo l’ingaggio del figlio centrocampista. La Civitanovese dopo il pareggio di Monterubbiano ha continuato la serie ottenendo un punto al Polisportivo nel confronto in chiave playoff con il Monturano. Rossoblu con problemi in difesa, a causa delle assenze dei centrali Borghetti e Martins (infortunati) e dell’under Smerilli
(squalificato). Mister De Filippis, che nella trasferta fermana aveva arretrato Mercanti da mediano a difensore centrale, ha proseguito nella sua vocazione di “sperimentatore”. Alla ventitresima giornata il tecnico di Terracina non ha ancora individuato la formazione titolare (a questo punto è dubbio che la possa trovare).

De Filippis, tecnico della Civitanovese

Contro gli uomini di Nello Viti, mister De Filippis ha riportato Mercanti a metà campo e ha schierato il terzino Bordi centrale difensivo, a fianco del recuperato Negreti. L’ex Anconitana aveva giocato in carriera esterno di centrocampo oppure mezzala, ma mai al centro della difesa. Soluzione unita dal tecnico rossoblu all’esordio (in una gara delicata con una concorrente alla conquista dei playoff) come terzino dell’under Mora (2001). Di conseguenza, Ferrari è stato impiegato sull’altro versante della difesa per non avere in campo due esterni under (la “promessa” Del Moro in panchina). Ferrari, come dimostrato nel secondo tempo a Monterubbiano, sarebbe stato più utile nella spinta a centrocampo.

Da rilevare che la Civitanovese ha giocato 40′ della ripresa in superiorità numerica per l’espulsione del centravanti Fabiani, unita all’assenza per squalifica dell’altra punta, Moretti. Nella sosta del campionato determinata dall’emergenza sanitaria, il team del tecnico De Filippis, secondo per organico solo alla capolista Atletico Ascoli, dovrà riflettere sui tanti punti lasciati per strada, sul forte ritardo dai piceni (10 punti) e anche dal Loreto, che li precede di 4 lunghezze. I rossoblu sono chiamati ad intensificare la preparazione in vista del finale di campionato, con l’obiettivo di non perdere posizioni utili nella graduatoria dei playoff.

Articoli più letti della settimana