“Maceratese addio amaro, ora voglio salvare il Chiesanuova”

ECCELLENZA – Il centrocampista De Cesare mette l’Azzurra Colli nel mirino: “Possiamo fare il colpaccio”

Nicolò De Cesare, 33 anni tra pochi giorni e centrocampista acquistato nel mercato dicembrino, dopo che nella scorso campionato era stato rivale guidando da capitano la Maceratese, vuole salvare il Chiesanuova che domenica sarà impegnato con l’Azzurra Colli.

Prima di focalizzarsi sui prossimi rivali, il classe ’90 ascolano ha ripercorso gli ultimi mesi. “Con la Maceratese è stato un addio amaro. A maggio mi ero procurato una distorsione nell’ultimo allenamento a campionato vinto, in estate aspettavo la conferma ma fui scartato per esigenze di budget. Il Chiesanuova mi aveva già contattato in estate e adesso mi stuzzica la possibilità di giocare qui e far salvare la matricola. Ho ritrovato ex compagni come Tittarelli e Lapi. Con loro avevo stretto un bel legame, i campionati vinti fortificano questi rapporti. Li ho sentiti quando il club mi ha cercato e mi hanno facilitato la scelta”.

De Cesare, un passato importante, ha giocato anche nelle giovanili dell’Inter. “Avevo 14 anni, c’erano Santon, Caldirola, Balotelli. Con Destro andammo praticamente insieme da Ascoli perché lui ha un anno meno di me”. Esperienza che l’ha forgiato. “I miei pregi e difetti? In positivo direi l’intelligenza tattica e la personalità. Come lacuna segno poco. Anzi con l’avanzare dell’età vedo che arretro sempre di più, sono sempre più distante dalla porta”.

Domenica ad Urbino non si è giocato a causa della neve, ma adesso c’è l’Azzurra Colli da affrontare sul sintetico di Treia. “A me il sintetico non piace e in generale sarà uno svantaggio per noi giocare a Treia tutte le gare del girone di ritorno. Però non si sa mai, affrontarci non sarà facile per nessuno. Il Colli? Ho parecchi ex compagni lì, come società e ambiente ricorda un po’ Chiesanuova. Stiamo vivendo un momento in cui raccogliamo poco pur avendo giocato alla pari con delle big come Montefano e Atletico Piceno. Dobbiamo migliorare nei dettagli ma potenzialmente sì, possiamo fare il colpaccio”.

Potrebbe interessarti anche
 
 
 
 
 
 

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS

[uwp_login]