Macerata, bandiera francese sulle finestre del Comune: insorge l’opposizione

Sacchi: “Siamo alle comiche finali”. Mosca: “Vergognati sindaco”

Un gesto che non è e che non poteva passare inosservato. E che inevitabilmente ha scatenato una ampia discussione, con la ferma condanna delle forze di opposizione. A Macerata oggi sulle finestre del Comune è comparsa la bandiera nazionale francese, creando un caso simile a quello di Cuneo dei giorni scorsi. Proprio ieri, infatti, la bandiera francese fatta esporre dal primo cittadino di Cuneo era stata fatta rimuovere dal Prefetto in quanto “non è ammessa l’esposizione di bandiere straniere su edifici istituzionali al di fuori dei casi previsti dal cerimoniale di Stato”. Nulla, se non una visita ufficiale 

A Macerata è insorta l’opposizione alla amministrazione in carica, chiedendo l’immediata rimozione del vessillo d’oltralpe. 

Siamo di fronte ad un atto di inaudita gravità – il commento di Riccardo Sacchi, Capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale -. Utilizzare le finestre del comune da parte del primo cittadino, appoggiato dalla sua maggioranza, per bassi, meschini e infimi calcoli politici, dimostra che si vuole calpestare l’interesse nazionale, esprimendo solidarietà a Macron. Siamo evidentemente alle comiche finali.

“Iniziative del genere avrebbero senso, come stabilito dalla normativa, davanti a determinati episodi – continua Sacchi -. Il Sindaco e la maggioranza dovranno rendere conto di questo gesto e soprattutto stupisce vedere come siamo davanti a una solidarietà a corrente alternata: si affigge una bandiera per meschini calcoli politici, ma non un gesto di solidarietà, non un fiore per commemorare Pamela Mastropietro.”

“Interverremo in Consiglio Comunale, tra dieci giorni, per stigmatizzare questo utilizzo della figura del Comune per beceri interessi politici” ha concluso Sacchi, in un post sul suo profilo Facebook.

Lapidario il consigliere comunale Maurizio Mosca: “Indegno, vergognati Carancini”.

Anche Casapound Macerata ha invitato il sindaco a rimuovere la bandiera, in quanto proibito dalla Legge: “può essere esposta solo per visite ufficiali del paese ospite. Se non la toglieranno loro, lo faremo noi!

Infine, il movimento Macerata ai Maceratesi in una nota afferma: “Macerata ai Maceratesi manifesta massimo rispetto per la decisione assunta dal governo francese di ritirare il proprio ambasciatore a Roma. Suggeriamo ai nostri amministratori locali di non interferire negli affari interni delle Nazioni altrui, togliere la bandiera francese da Palazzo Conventati e pensare ai tanti veri mali che affliggono la nostra città – su tutti l’immigrazione incontrollata e lo spaccio proprio a un anno dall’efferato omicidio della povera Pamela – invece di prendere iniziative strettamente personali di cui siamo convinti che la maggioranza dei maceratesi molto probabilmente non sia assolutamente d’accordo. Lunga alla vita alla bandiera italiana, alla nostra sovranità nazionale e alla vera Europa dei popoli“.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS