Macerata candidata a Città Europea Sport, preludio al progetto Canil?

Sandro Parcaroli, Sindaco di Macerata

L’amministrazione ha ufficializzato oggi la candidatura per il 2022: sembra scontato un “tappeto rosso” per chi oggi è solo “ospite”

E’ notizia di oggi che Macerata sarà candidata a “Città Europea dello sport 2022”. Questa comunicazione arrivata direttamente dagli uffici comunali apre scenari interpretativi piuttosto scontati. Nel programma elettorale il primo cittadino Sandro Parcaroli ha sempre detto che avrebbe messo al centro del progetto lo sport per il rilancio della città e questa candidatura sembra portare a una certezza. Macerata non si farà sfuggire Mauro Canil per il futuro, altrimenti ad oggi di vanto da “esporre” non ce n’è moltissimo parlando di calcio soprattutto.

Già in un’intervista rilasciata al nostro giornale prima dell’elezione Parcaroli aveva annunciato che non si sarebbe fatto sfuggire un personaggio del calibro di Canil per il rilancio del calcio cittadino e provinciale (leggi). Oggi Canil guida il Matelica in serie C e gioca le sfide interne all’Helvia Recina di Macerata. Non è difficile pensare che in caso di salvezza (la squadra sta andando bene in questo inizio di stagione) dal prossimo campionato il nome potrebbe cambiare e far partire un progetto importante per tutto il territorio maceratese. Per andare sul concreto i tempi non sono maturi per tutta una serie di motivazioni ma tutte le indicazioni portano a ciò: altrimenti sarebbe bizzarro pensare che un capoluogo di Provincia si candidi a “Città Europea dello Sport” con la prima squadra di Calcio due categorie sotto al primo grado dei dilettanti. Insomma sarebbe più uno scherzo venuto male che una realtà vera.

Nei prossimi mesi sicuramente l’argomento sarà al centro dei dibattiti cittadini con insistenza e soprattutto con una grande consapevolezza: Macerata e i maceratesi non possono perdere questo treno.

Articoli più letti della settimana