Macerata, aggredito e malmenato da uno sconosciuto mentre sta chiudendo la pizzeria in piazza Mazzini

Abu Omayr Fadi ha riportato la frattura di alcune costole

Un episodio di violenza assurdo e al momento ancora inspiegabile si è verificato nella serata di domenica a Macerata. Involontario protagonista della vicenda, Abu Omayr Fadi, 45 anni, di origini giordane e da 12 anni titolare della pizzeria “Bel Mondo” in piazza Mazzini.

L’uomo è stato medicato con 15 giorni di prognosi, salvo complicazioni, al pronto soccorso dell’ospedale del capoluogo dove gli sono state riscontrate fratture varie alle costole.

E’ proprio Fadi, ancora sotto choc e costretto a tenere chiuso il locale vista l’impossibilità di poter svolgere il suo lavoro per i forti dolori che ancora lo affliggono, a raccontare quanto gli è accaduto. “Un tizio che non conosco, intorno alle 20.30 di domenica si è presentato al locale e ha chiesto una birra. Si vedeva che era un po’ strano. Si guardava continuamente intorno, come se cercasse di verificare la presenza o meno di videocamere. E’ tornato verso mezzanotte e ha chiesto un limoncello, ma gli ho risposto che il locale ormai era chiuso e non potevo servire nè da bere nè da mangiare. A quel punto ha risposto che un lapidario ‘tornerò’ che solo dopo ho capito fosse una minaccia. Quando eravamo rimasti soltanto io, mia moglie e la cameriera, mentre stavamo mangiando ha ricominciato a bussare dalla finestra chiedendo ancora da bere. Poi si è scagliato sulla porta e ha cominciato a sfondare la vetrata e a rompere gli infissi. Nel frattempo, mia moglie e la cameriera, fortemente impaurite, hanno chiamato la polizia. A un certo punto non ho capito più niente e, malgrado avesse visto arrivare i poliziotti, quest’uomo mi è saltato addosso e ha cominciato a tempestarmi di calci e pugni. Anche per la polizia è stato un problema riuscire a staccarlo da me. Non riuscivo a respirare e sono stato soccorso e portato in ospedale. Ancora adesso non riesco a spiegarmi il motivo di tanta violenza: non ho mai fatto del male a nessuno. Forse voleva rapinarmi…”. L’aggressore è stato portato via dalla polizia.

Fin qui, il racconto di Fadi. Il suo legale, l’avvocato Francesco Bernabucci, sta predisponendo la denuncia-querela da presentare alla polizia. In attesa di conoscere il nome della persona che ha causato questo caos e di capire perchè lo abbia fatto.

. E

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia