Macerata, aggredisce una 19enne in centro: marocchino in manette per violenza sessuale

Il 33enne era uscito da pochi giorni dal carcere di Firenze

Arrestato dalla polizia nella notte a Macerata un 33enne marocchino responsabile di violenza sessuale su una ragazza maceratese di 19 anni.

La giovane è stata aggredita in un vicolo del centro storico mentre stava rientrando a casa. L’uomo, pluripregiudicato per reati in materia di droga era uscito da pochi giorni dal carcere di Firenze ed era in Italia senza fissa dimora. Dopo un rastrellamento operato nelle vie cittadine è stato subito individuato e bloccato dai poliziotti che lo hanno tratto in arresto. E’ stata la ragazza a chiamare il 113 intorno alle 2. Gli agenti si sono precipitati a casa della 19enne che ha raccontato di aver trascorso la serata con alcuni amici in un locale del centro, poi si era diretta verso casa quando, in un vicolo, è stata raggiunta alle spalle da un individuo che l’ha bloccata stringendola con forza inaudita e tappandole la bocca con una mano per impedirle di urlare. L’uomo, nel contempo, proferiva in modo ossessivo parole a sfondo sessuale manifestando palesemente le sue intenzioni.

Il cittadino straniero, nonostante la ragazza tentasse di divincolarsi con tutte le sue forze, continuava a tenerla bloccata tappandole la bocca e impedendole di chiedere aiuto. Nonostante ciò, la 19enne è riuscita a divincolarsi e a voltarsi in modo da vedere bene in volto la persona, poi  approfittando di un attimo di esitazione dell’aggressore, è riuscita a liberarsi dalla presa e chiedere aiuto urlando a squarciagola. Ha iniziato a correre lungo il vicolo fino a quando ha raggiunto la propria abitazione a pochi metri e ha contattare la Polizia.

Raccolte in pochi secondi le dichiarazioni della ragazza, le pattuglie presenti sul territorio hanno iniziato a rastrellare tutte le vie e i vicoli del centro riuscendo in pochissimo tempo in via Don Minzoni a rintracciare il soggetto descritto dalla giovane che è stato subito bloccato e dopo le verifiche del caso, tratto in arresto.

L’uomo, un 33enne di origine marocchine, pluripregiudicato per reati in materia di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in Italia senza fissa dimora, era stato scarcerato alcuni giorni fa dal carcere di Firenze. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato ristretto presso il Carcere di Ancona-Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’intervento, pressochè immediato della polizia di stato, è stato garantito dal dispositivo di sicurezza predisposto dal Questore Pignataro in occasione delle festività natalizie, con il rafforzamento dei servizi di prevenzione al fine di assicurare alla cittadinanza la massima sicurezza durante le festività.

Ancora una volta la città di Macerata, cittadina universitaria, si è dimostrata una città sicura in cui le forze di polizia hanno dato una risposta immediata traendo in arresto un pluripregiudicato clandestino resosi responsabile di uno dei più terribili reati commesso ai danni di una giovanissima studentessa maceratese che stava trascorrendo le vacanze natalizie in famiglia.

 

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi