Lunedì si raduna una Maceratese incompleta, servono innesti per vincere

Il dg Vissani

PROMOZIONE – Ai biancorossi mancano diverse pedine per avere una rosa da primato

Lunedì alle 16 ci sarà il tanto atteso inizio della stagione per la rinnovata Maceratese di Francesco Nocera. La società ha deciso di optare per un gruppo di ragazzi di nazionalità argentina (ad oggi sono sei) come fulcro della rosa. Andando a leggere i nomi che partiranno dal primo giorno sicuramente ci sono delle caselle da riempire per una società che ambisce alla promozione in Eccellenza.

Allenatore Maceratese
Nocera, allenatore della Maceratese

Capitolo portieri: saranno Giustozzi e Farroni a giocarsi il posto, ma non è da escludere che se i due non daranno grandissima affidabilità nel corso della preparazione mister Nocera non possa spingere per un portiere esperto.

In difesa manca come il pane un fortissimo leader centrale che possa giocare in coppia con Mercurio (Marino, a parte la squalifica che arriverà dal Tribunale Federale, dovrebbe essere la prima scelta come riserva sulla carta). Avere tre centrali, meglio se quattro, è proprio obbligatorio.

Matias Miramontes

Dando un’occhiata alla rosa sicuramente si nota una folta mediana e di ottimo valore ma non c’è un play adatto a giocare davanti alla difesa. Questo ruolo potrebbe essere svolto da Miramontes, il calciatore con i piedi più educati in rosa: ma lo stesso argentino in pratica non ci ha mai giocato. Quindi non è da escludere che la società vada alla ricerca di un forte palleggiatore capace di imporre i ritmi al gruppo.

Nel 4-3-3, almeno iniziale, di mister Nocera manca sicuramente un esterno dello stesso valore di Ruibal. Infatti il ruolo di centravanti sarà una lotta a due tra Dell’Aquila e Carrion (con il primo favorito), sugli esterni ecco l’ex Anconitana e Chiesanuova e dall’altra parte bisogna riempire la casella ad oggi vuota.

Manuel Dell’Aquila

Anche in caso di 4-4-2 mancherebbe una seconda punta da affiancare a Dell’Aquila o Carrion (da escludere Ruibal in questo ruolo perché sarebbe meglio utilizzarlo come quarto di centrocampo).

Capitolo under: i migliori sono Giustozzi e Massini, la società è in trattativa con l’Osimo Stazione per due profili interessanti (portiere e centrocampista). Partiranno con la prima squadra anche i neo arrivati dal Tolentino Marchetti (centrocampista 2003) e Cofanelli (attaccante 2002).

Paolino Mercurio

Insomma, come base è sicuramente discreta perché ci sono alcuni giocatori importanti (Mercurio, Micucci, Vechiarello, Miramontes, Ruibal e Massei su tutti) ma la rosa va assolutamente completata con almeno 3-4 innesti importanti. E in più dopo che la Figc ha ufficializzato le 34 partite, con inevitabili turni infrasettimanali, per vincere sarà necessario avere ricambi all’altezza: proprio in questa ottica sembra impossibile ipotizzare di vedere Miramontes, 39 anni, e Dell’Aquila, 36 anni, giocare due gare da 90’ a distanza di pochissimi giorni l’una dall’altra.

LA ROSA:

Portieri: Farroni, Feliziani, Giustozzi (2002), Simoncini (2001);

Difensori: Del Gobbo (2002), Lombardi (2002), Marino, Mercurio, Ricciotti (2002) Shoshaj (2002), Telloni;

Centrocampisti: Ghannaoui (2001), Massini (2001), Massei,Marchetti (2003) Micucci, Miramontes, Perez, Postacchini (2001), Vechiarello;

Attaccanti: Andreucci, Cirulli (2001),Cofanelli (2002 in entrata), Carrion, Dell’Aquila.

error: Contenuto protetto !!