L’ultimo saluto a Fausto Baldoni, ucciso a colpi di lampada

In tanti al funerale questa mattina. Accusata dall’omicidio la compagna Alessandra Galea

In tanti questa mattina a Fabriano per l’ultimo saluto a Fausto Baldoni, 63 anni, ucciso in un’aggressione in casa e raggiunto da vari colpi alla testa sferrati con una lampada da tavolo il 3 giugno (LEGGI QUI). Il funerale è stato celebrato questa mattina nella chiesa della Misericordia dal parroco, don Umberto Rotili.

“Fausto non è morto inutilmente, nella sua vita ha lasciato tanti semi di bene” ha detto nell’omelia. Un dolore composto quello dei familiari del 63enne rinvenuto cadavere nella stanza da letto della sua abitazione. Dall’autopsia è emerso che era morto almeno 8-10 ore prima del ritrovamento, avvenuto dopo l’allarme lanciato dalla sorella. Accusata dell’omicidio Alessandra Galea, 49 anni, convivente da un paio d’anni con Fausto, ma legata a lui da un rapporto di amicizia da una trentina d’anni. Galea, che ha una gemella che 9 anni fa uccise la loro madre, è in carcere a Villa Fastiggi a Pesaro, con l’accusa di omicidio volontario aggravato. Durante l’interrogatorio di garanzia ha sostenuto di essersi difesa da un approccio sessuale e di aver allontanato da sé Baldoni, senza colpirlo alla testa.

“Viviamo in un mondo in cui il male esiste: possiamo però imparare a vivere la vita con uno sguardo diverso. La sapienza, quindi, è la nostra capacità che ci spinge a vedere ogni nostro gesto d’amore, di gentilezza, di umanità, come quelli di Fausto che ha fatto e lo hanno reso speciale, in tutto il quartiere”, le parole di don Umberto. Dopo le esequie, la salma sarà cremata e poi tumulata nel cimitero di Santa Maria.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS