Lube, finale mozzafiato con Perugia e Zaytsev pronto per l’anno prossimo

VOLLEY A1 – Mai come adesso le due squadre sono vicinissime e hanno le stesse chance di vincere lo Scudetto. Lo Zar prossimo a vestire il biancorosso al posto di Sokolov

Sarà dunque Perugia l’avversaria della Lube in questa finale Scudetto che partirà mercoledì sera dall’Umbria. Appuntamento alle 20.30 per la prima sfida di una serie che si preannuncia mozzafiato. Mai come in questa circostanza le due squadre sono vicinissime e forse, per come sono andate le semifinali, i biancorossi hanno dimostrato di essere un pelo avanti agli umbri. Ma è più giusto dire che entrambe le squadre hanno il 50 per cento di vincere lo Scudetto. Da un lato Civitanova che grazie alla tenacia di coach De Giorgi gioca oggi una bella pallavolo, seppur con i soliti limiti noti in ricezione dove Leal non riesce proprio a garantire equilibrio. Bruno è un gran trascinatore e avendo delle bocche da fuoco pazzesche riesce a distribuire benissimo il proprio gioco. Sokolov e Juantorena, insieme a Leal in attacco, garantiscono tantissimo. Balaso è cresciuto molto e al centro c’è solidità. Insomma, la Lube arriva bene alla finale. Dall’altra parte Perugia invece ci arriva con qualche patema, imprevisto, di troppo. E’ vero che Modena ha giocato una signora serie di semifinale ma è pur vero che Perugia non doveva rischiare così tanto di uscire. Anche nella decisiva gara 5 gli umbri sono stati più volte spalle al muro: 0-1 e 17-23, 1-2 e 7-11 ma alla fine hanno vinto. Forse il carattere è una delle peculiarità degli uomini allenati da Bernardi e il rendimento di Leon, inutile nasconderlo, sposta gli equilibri. Una cosa è certa: sarà una serie di finale infuocata e bellissima. Sponda mercato: il nuovo opposto dei biancorossi sarà con ogni probabilità Ivan Zaytsev, un ritorno per lui. Nonostante le smentite di rito del ds Cormio, che avvalorano maggiormente la tesi, i biancorossi sembrerebbero aver deciso di puntare sul ritorno dello Zar (300 mila euro circa il costo per farlo uscire da Modena). Anche, aggiungiamo noi, perché trattasi di occasione più unica che rara. Mettere al posto di Sokolov (che giocherà nello Zenit Kazan il prossimo campionato) un italiano di quella caratura permetterà alla società di poter giocare con uno straniero in più negli altri ruoli. Insomma, dire che Zaytsev non è l’uomo giusto sarebbe dire una delle più grandi bugie del volley mercato, ammesso che qualcuno ci caschi.

Alessandro Molinari
Author: Alessandro Molinari

Sono un amministratore

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS