Lotta all’immigrazione clandestina: espulso un tunisino

La Prefettura ha disposto un ordine di allontanamento anche per un ragazzo polacco di circa 30anni con precedenti di ubriachezza molesta

Continua la quotidiana attività della Questura diretta a garantire la sicurezza dei cittadini, anche sul piano del contrasto all’immigrazione clandestina. Nei giorni scorsi la Polizia di Stato eseguito l’accompagnamento presso il C.P.R. di Bari, in esecuzione di un ordine di allontanamento per motivi di pubblica sicurezza, di un cittadino tunisino, appena scarcerato, irregolare sul territorio nazionale.

Lo straniero era stato condannato a 4 anni e 4 mesi di reclusione con interdizione dai pubblici uffici per 5 anni per reati relativi a violazioni della normativa sugli stupefacenti e aveva, altresì, precedenti per rapina, evasione, furto aggravato e violazioni della legge sull’immigrazione.  Il cittadino tunisino è stato prelevato dal personale della Polizia di Stato dal locale Istituto di Pena e dopo essere stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della Questura, è stato accompagnato presso il predetto centro in atteso di rimpatrio.

La polizia ha rintracciato nella zona della Fiera della Pesca, ad Ancona, un uomo accampato in una baracca di fortuna. Lo stesso, in palese stato di ubriachezza, ha riferito di vivere di espedienti e di non avere documenti attestanti la sua identità
Portato presso gli Uffici dell’Immigrazione per gli accertamenti di rito, è risultato essere un cittadino polacco di circa 30anni, con precedenti specifici per ubriachezza molesta e violazioni ripetute alla normativa anti-covid.

Considerata la posizione sul territorio nazionale nei suoi riguardi è stato emesso dalla Prefettura ordine di allontanamento di un cittadino comunitario, che veniva notificato all’interessato.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi