L’Orchestra Filarmonica porta la musica nei luoghi più suggestivi delle Marche

12 concerti della rassegna estiva

Al via dal 25 giugno al 10 agosto ‘Siamomusica’, rassegna estiva della Form-Orchestra Filarmonica Marchigiana, che torna dal vivo dopo una seguitissima stagione invernale in streaming, proponendo cinque titoli per un totale di 12 concerti nei luoghi più suggestivi delle Marche. Illustrata oggi on line dal presidente Carlo Maria Pesaresi, assieme al direttore artistico Fabio Tiberi e all’assessore alla Cultura della Regione Giorgia Latini, attraverserà diversi generi.

Si parte con il concerto ‘Serenate‘ , che presenta quelle scritte da Ciaikovski, Strauss e Mozart, ambientate al Chiostro di San Francesco di Osimo, con la direzione del nuovo direttore principale Alessandro Bonato. Repliche, anticipate alle 19 per godere delle suggestioni del tramonto, si svolgeranno al Castello al Monte di San Severino Marche (26/6) e il giorno dopo al Teatro Romano di Falerone. Il 30 giugno al Teatro Gentile di Fabriano ci sarà l’anteprima di ‘Musica per immagini-Movie concert‘: Federico Mondelci in veste di direttore e sassofonista presenterà brani di Rota, Morricone, Haendel e Sciostakovich, Repliche il 28/7 all’Arena Beniamino Gigli di Porto Recanti, il 29 all’Anfiteatro Romano di Urbisaglia e il 30 a Villa Vitali di Fermo.

Si prosegue il 4 luglio al Teatro delle Muse di Ancona con l’attesissimo concerto del trombettista Paolo Fresu, in collaborazione Ancona Jazz Summer Festival, che eseguirà oltre alle sue, anche musiche di Gershwin ed Heyman, con Bebo Ferra alla chitarra, arrangiamenti e direzione di Massimo Morganti. E ancora il 9 e 10 luglio, a Osimo e San Severino la Form presenterà ‘Wagner Time‘. Chiude il 6 agosto all’Arena Gigli: ‘Dance! La musica che balla‘, con musiche di Rossini, Ponchielli, Ciaikovski, Bizet, Brahms e J. Strauss jr per la direzione di David Crescenzi, in replica il 10, notte di San Lorenzo, sotto le stelle dell’Anfiteatro di Urbisaglia.

Una stagione finalmente in presenza – ha osservato Latini – in grado di coinvolgere tanti Comuni“. “Una conferma – ha concluso Pesaresi – del ruolo ormai consolidato della Form come ‘colonna sonora delle Marche'”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana