Lo spot choc: “Venite in vacanza da noi, al Nord c’è il Covid”

Scoppia la polemica in rete

I Comuni della Locride hanno appena lanciato uno spot pubblicitario per promuovere il turismo locale che ha sollevato non poche polemiche in rete. Nel video, realizzato dall’agenzia di Klaus Davi, si mettono a confronto alcune affollatissime località turistiche del Nord Italia, (come Jesolo, Rimini e Rapallo), con alcune paradisiache località turistiche (meno conosciute e decisamente poco affollate) della Calabria, in particolare la costa dei Gelsomini sul mare Ionio.

Lo spot ribadisce che le località del Nord Italia, dove “le Politiche ambientali sanitarie e suicide orientate al business hanno distrutto la sanità e consentito all’inquinamento di esplodere e causato migliaia di morti”, sono inquinate e a rischio Covid, dal momento che ancora oggi è impossibile praticare il distanziamento sociale.

In Calabria, invece, “il distanziamento sociale si pratica da tremila anni. Una forma di civiltà e di rispetto che ha preservato queste terre da un contagio di massa come è avvenuto altrove”, ribadisce lo spot, mostrando splendide immagini di luoghi come le spiagge di Africo, di Bianco, di Caraffa del Bianco, di Locri, di Siderno e dell’incontaminato e selvaggio Aspromonte.

Il video, che nella versione integrale ha una durata di 2 minuti, ha sollevato non poche polemiche. L’Anci Veneto ha accusato lo spot di mancanza di rispetto verso quanto accaduto al Nord. Il sindaco di Treviso, Mario Conte, ha dichiarato che questi Comuni dovrebbero imparare dal Veneto, che è riuscito a fronteggiare un’emergenza straordinaria riuscendo a rimettersi in piedi per far ripartire l’economia.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia