L’immobilismo della Figc Marche e l’impazzimento delle società d’Eccellenza

Paolo Cellini, presidente Figc Marche

CALCIO – Il 13 dicembre è fissata la ripresa: le realtà del massimo torneo regionale attendono notizie per il futuro

Teoricamente domenica 13 dicembre ci saranno due recuperi nel torneo d’Eccellenza: Urbania-Sangiustese e Montefano-Vigor Senigallia. Diciamo teoricamente perché le date sono state fissate dalla Figc Marche ma tutti sappiamo che le possibilità di poter giocare queste sfide sono vicine allo zero. In questo clima di “navigazione a vista” le società del massimo torneo regionale, per ovvi motivi, non sanno che pesci prendere.

Infatti per disputare queste gare sembra ovvio e scontato che queste realtà possano allenarsi almeno per due o tre settimane consecutive ma ad oggi non sembra esserci nessuna possibilità in tal senso, soprattutto dopo la decisione di ieri di spostare le Marche in zona Arancione. Il Comitato Figc Marche, protagonista di un immobilismo fuori dal comune, dovrebbe prendere una decisione in tal senso senza far vivere senza poter programmare niente a queste società. Ci sembra da un lato irrispettoso e dall’altro assurdo che ad oggi sono ancora in programma i recuperi in Eccellenza a partire dal 13 dicembre.

Si aspettano sempre decisioni dall’alto per non “rischiare niente”. Ieri la Lnd ha preso la sua “non decisione”. Infatti togliere coppe e play off nazionali non possono essere considerate delle decisioni prese, dato che si tratta di cose praticamente scontate. E’ ora che la Figc prenda una decisione o quanto meno metta sul tavolo delle ipotesi per come portare a termine l’Eccellenza, che rappresenta il primo campionato regionale e merita assoluto rispetto. Cosa bisogna aspettare per rinviare tutto a gennaio inoltrato?