Le piante di visciola segate non abbattono “Le Cantine del Cardinale”: pronto un crowfounding

Lo staff delle Cantine del Cardinale

L’azienda di Serra de’ Conti devastata, ma pronta a ripartire: “Danni fuori dalla nostra portata, aiutateci a rialzarci”

La notizia dell’azienda anconetana, precisamente di Serra de’ Conti, colpita in malo modo e devastata dalla cattiveria umana (leggasi segatura di tutte le piante di visciola) ha fatto il giro della regione Marche e non solo. “Le Cantine del Cardinale“, a fatica, stanno ripartendo. Sulla propria pagina facebook oggi si sono fatti forza e hanno scritto parole piene di grinta e volontà di ripartire: “Ciao a tutti amiche ed amici delle Cantine del Cardinale! Dopo tutto quello che è successo vogliamo ripartire più forti di prima. Questo momento non è facile, ma abbiamo ricevuto centinaia e centinaia di messaggi con offerte di aiuto per ripartire da tutta l’Italia. Purtroppo abbiamo fatto una conta dei danni e sono veramente fuori dalla nostra portata. Ma siete stati davvero tanti, tanti, tantissimi a dirci di non fermarci perchè “siamo tutti con voi”. E noi non ci fermeremo”.

I proprietari dell’attività spiegano: “Lunedì 3 febbraio su questa pagina (clicca qui) faremo partire un crowfunding per sostenere le spese per ripartire con il nostro lavoro. Comprare le nuove piante da frutto, metterle a dimora e, nell’attesa della nuova produzione che impiegherà circa 5 anni, acquistare le materie prime per continuare a produrre tutta la gamma che abbiamo ideato in 10 anni di lavoro. Intanto, per chi volesse raggiungerci, questo fine settimana, l’1 e 2 febbraio ci troverete a Morciano di Romagna, in occasione della manifestazione “Vino in Calice”. Intanto… ancora un grazie immenso per tutto l’affetto che ci state dimostrando. E’ e sarà sempre la nostra forza”.

a.b.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia