Le aziende eco-friendly sono a prova di crisi

 

Contro i fatti non valgono gli argomenti. Chi continua a far viaggiare su due binari paralleli e inconciliabili lavoro e ambiente ignora il virtuoso punto d’incrocio che li coniuga nel segno di uno sviluppo sostenibile. A infrangere ogni scetticismo mostrando chiaramente i tangibili benefici di un approccio eco-oriented sulle attività economiche sono i dati tratti da uno studio di Green Factor per il progetto Ecco di Legambiente.

Secondo la puntuale e lodevole ricerca, le imprese che compiono i maggiori investimenti a protezione della vivibilità del Pianeta, sono anche le più attrezzate contro i periodi di crisi. In particolare, l’indagine ha considerato le rilevazioni di Symbola-Unioncamere relative a 1000 imprese manifatturiere italiane. Le aziende promotrici di un’autentica e concreta cultura della sostenibilità sono state in grado non soltanto di limitare la generale fase economica negativa nel periodo dell’emergenza pandemica, ma sono addirittura cresciute.

Analizzando i numeri si scopre che il 16% delle imprese eco investitrici ha chiuso il 2020 in attivo. E non è tutto: tra le aziende ecosostenibili, il 9% ha assunto più personale rispetto al periodo pre-Covid (tra le “non green” la percentuale è scesa al 7%) e il 16% ha ottenuto risultati migliori grazie alle esportazioni (12% tra le “non eco investitrici “).

Questi dati confermano che l’ecosostenibilità sta portando a una vera e propria rivoluzione nel mondo del lavoro. Non a caso, come mostrano le stime di Green Factor, le competenze in questo ambito sanno garantire una domanda di lavoro dell’82%. Per i dati previsionali di Unioncamere, nel corso dei prossimi quattro anni (2021-2024) il mercato del lavoro richiederà 1,6 milioni di lavoratori capaci di mettere a punto soluzioni e strategie ecosostenibili. Il 46% dei posti di lavoro a disposizione sarà molto probabilmente destinato all’assunzione di figure molto specializzate (circa 744mila professionisti). L’Italia appare dunque sulla via di un nuovo paradigma economico e sociale. Con buona pace di chi ancora divide l’ambiente dalla produzione e dal lavoro.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi