L’Ast di Ascoli ha presentato il progetto ‘Aree interne Piceno’ al convegno Federsanità

Il direttore sociosanitario Sonia Cicero

Levento si è svolto a Perugia e ha visto a confronto le Marche con l’Umbria

‘Lo sviluppo delle cure primarie e dell’integrazione sociosanitaria nelle aree interne: Regione Umbria e Regione Marche a confronto’. Questo il titolo dell’evento promosso da Federsanità Anci Umbria e Federsanità nazionale che si è svolto a Perugia e al quale è stata invitata a partecipare l’Azienda sanitaria territoriale di Ascoli. In rappresentanza dell’Ast è intervenuta, illustrando il progetto ‘Aree interne Piceno’ che coinvolge 17 comuni dell’entroterra, il direttore sociosanitario Sonia Cicero. L’efficienza allocativa di risorse professionali e di strutture tecnologiche e digitali (telemedicina) e la sinergica collaborazione tra aziende sanitarie e amministrazioni locali, sono determinanti nello sviluppo delle cure primarie e della presa in carico del paziente in un’ottica ‘One health’ e di effettiva risposta al fabbisogno complessivo sanitario e sociosanitario del cittadino. Nella provincia di Ascoli questo processo è già iniziato nel 2014 sviluppando gradualmente, nel tempo, un’assistenza sanitaria capillare ed efficace, anche grazie allo sviluppo della telemedicina/telerefertazione nei 17 comuni dell’entroterra che, per dislocazione geografica, ‘soffrono’ maggiormente la distanza dai due presidi ospedalieri. Ulteriore slancio al progetto è ora previsto nei comuni di Arquata e Comunanza dove, con i fondi Pnrr, il centro diurno per pazienti psichiatrici di Comunanza sarà dotato di fisiatra, psicologo, fisioterapista, educatore professionale e Oss, e dove verrà acquistato un taxi sanitario. Mentre entro il 2026 saranno realizzate la Casa della comunità a Acquasanta, Offida e Comunanza e in quest’ultimo comune verrà anche effettuato l’adeguamento sismico dell’attuale poliambulatorio.

“Il territorio di competenza dell’Ast di Ascoli – dice la Cicero – ha una caratterizzazione demografica con un’incidenza degli over 65 che nel 2023 era del 26,6%, dunque leggermente più alta rispetto alla media nazionale e della regione Marche. I 17 comuni interessati insieme all’Azienda sanitaria hanno promosso e sviluppato il progetto ‘Aree interne Piceno’ che coinvolge, complessivamente, il 13% della popolazione provinciale totale. Dal 2014 al 2023 è stata registrata una riduzione di circa un migliaio di abitanti in queste aree e, dunque, le criticità emerse sono legate, sia all’invecchiamento della popolazione, sia al rischio di spopolamento di questi territori. Tra il 2015 e il 2016 l’alleanza tra gli enti locali e l’Azienda sanitaria ha portato alla costruzione di un sistema importante di servizi disseminati in tutti e 17 i comuni che ha permesso la presenza integrata della medicina di base affiancata dall’infermiere di comunità, della pediatria e dei servizi sociali. E’ nato il Centro ‘Assieme’, dove ‘Assieme’ è l’acronimo di assistenza sociosanitaria integrata per l’evoluzione e il miglioramento dell’erogazione dei servizi delle cure primarie, simbolo della ricostruzione post sisma e del rafforzamento della collaborazione tra i sindaci, l’Ast e i medici di medicina generale. All’interno della struttura sono ospitati, infatti, i medici di base, il pediatra, diversi specialisti, l’infermiere di comunità e l’assistente sociale. Si è trattato di un investimento importante per l’integrazione multidisciplinare e istituzionale. Dopo il Covid queste alleanze si sono rafforzate ulteriormente e l’Ast, con uno sforzo di non poco conto, è riuscita a garantire la presenza di almeno un medico di medicina generale in ciascuno dei 17 comuni”.

Nel corso dell’intervento a Perugia della dottoressa Cicero è stato proiettato un contributo filmato con il quale è stata portata la testimonianza di chi eroga in prima persona l’assistenza sanitaria di base nelle aree interne picene e di chi, invece, ne beneficia. Con il video si è data voce, oltre che a una paziente, a uno dei medici di medicina generale, Andrea Ciucci, e all’infermiere di comunità, Alessio Pagnotta, entrambi in servizio nella Casa di comunità di Acquasanta dove si è sviluppato un efficiente modello di telemedicina/telerefertazione.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS