L’Ascoli gioca ma il Frosinone vince: ko per il Picchio

Spendlhofer in azione

SERIE B – Allo Stirpe termina 1 a 0. Bianconeri belli ma spreconi, tornano a casa a mani vuote

L’Ascoli esce sconfitto da Frosinone. La formazione bianconera cade allo Stirpe contro i ciociari che esultano grazie alla rete nella ripresa di Salvi. Un Picchio brillante nel primo tempo ma per niente cattivo sotto porta, spreca tantissimo e alla fine a gioire è la squadra di casa.

Nesta sceglie il consueto 3-5-2 posizionando sull’esterno mancino uno degli ex della partita, Sasà D’Elia. In attacco sorpresa con Ciano di fianco al polacco Pazyszek, con Novakovich in panchina. Con lui anche Ardemagni. Solito 4-3-3 anche per Bertotto che conferma la quasi totalità della formazione pensata alla vigilia. Vellios, che viaggiava verso una possibile titolarità, si siede in panchina con Bajic che invece parte centrale d’attacco. In difesa, per l’assenza di Avlonitis, arriva l’esordio di Spendlhofer al fianco di Brosco.

Primissimi minuti già di grande intensità in campo. Salvi, dopo una rimessa con le mani di Brighenti, gira al volo in area di rigore con palla sul fondo. Dopo il rinvio e sviluppo bianconero, Pucino crossa in area e Curado tocca la palla con il braccio destro largo. Arbitro ed assistente lasciano correre. Al 5′ Saric sfonda centralmente calciando con il destro, la sfera alla sinistra di Bardi termina sul fondo. Ascoli nettamente meglio messo in campo che sale di condizione. Al 12′ perla di Pucino in verticale per Chiricò, il fantasista rientra sul mancino e calcia la palla che deviata da un difensore termina in corner. Al 20′ siluro da fuori area di Kragl da calcio di punizione, la palla finisce alta e addirittura frantuma un seggiolino dello Stirpe. Il Picchio continua ad andare alla grande. Kragl offre a Sabiri che dal limite calcia forte sul primo palo. Ancora una volta la conclusione viene deviata e termina in angolo. Ascoli che domina il primo tempo e ci prova ancora al 37′: Chiricò rientra come di consueto sul mancino per calciare a giro, la palla sbatte però sui cartelloni pubblicitari. Un minuto più tardi ancora una splendida azione bianconera, con uno scambio delizioso tra Cavion e Pucino con il terzino che calcia il pallone appena alto sopra la traversa. La reazione frusinate si vede solo al 42′ con un tiro di Kastanos bloccato da Leali. L’Ascoli ci prova fino alla fine dei primi quarantacinque di gioco, ma torna negli spogliatoi con uno zero a zero che sta molto stretto.

Nella ripresa al 7′ retropassaggio suicida di Chiricò che trova Tabanelli di fronte a Leali, l’estremo difensore compie un miracolo ma la squadra di Nesta è ben messa in campo nella ripresa. Sull’azione successiva ci prova Saric da fuori trovando ancora i guantoni di Bardi a respingere. Dopo dieci minuti Bertotto decide per la staffetta Bajic-Vellios inserendo in campo l’attaccante greco. Il Frosinone, invece, cambia tutta la coppia di attacco. E proprio Novakovich al 23′ mira all’angolino con il destro dopo essersi liberato in area trovando ancora un miracolo con la mano sinistra di Leali. Al 29′ il Frosinone trova il gol: Salvi riceve sulla destra, entra, dribbling e contro dribbling saltando due ascolani e poi fucila sotto la traversa per il vantaggio della squadra di Nesta. Subito di rabbia risponde il Picchio al 33′ con Cavion che si libera in area e calcia trovando una deviazione incespicata di Bardi, poi ancora Pierini prova la conclusione laterale ma l’estremo difensore devia ancora con reattività. Al 94′ ultima occasione per l’Ascoli con Kragl che da calcio di punizione centra la traversa. I bianconeri escono dallo Stirpe a mani vuote.

Il tabellino

FROSINONE-ASCOLI 1-0

FROSINONE (3-5-2): Bardi; Brighenti, Szyminski (16′ Ariaudo), Curado; Salvi, Maiello, Tabanelli, Kastanos (46′ Tribuzzi), D’Elia; Ciano (58′ Dionisi), Parzyszek (58′ Novakovich). A disp: Iacobucci, Marcianó, Capuano, Rohden, Ardemagni, Carraro, Vitale, Zampano. Allenatore: Nesta.

ASCOLI (4-3-3): Leali; Pucino, Brosco, Spendlhofer, Kragl; Cavion (86′ Matos), Saric, Sabiri (86′ Gerbo); Chiricò (70′ Cangiano), Bajic (55′ Vellios), Pierini. A disp: Ndiaye, Sarr, Corbo, Ghazoini, Eramo, Sini. Allenatore: Bertotto.

ARBITRO: Dionisi de L’Aquila.

RETI: 75′ Salvi (F).

NOTE: ammoniti Ciano (F), Tribuzzi (F). Rec. 2′ pt, 4′ st.

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi