L’Anconitana rialza la testa: poker al Porto d’Ascoli e pioggia d’applausi

L'Anconitana si rialza

ECCELLENZA – Due squilli di Trombetta e una rete a testa di Mansour e Ambrosini. Al Del Conero i biancorossi battono 4 a 2 l’ex capolista e riscattano il ko di Fabriano

di Claudio Comirato

Enorme prova di carattere dell’Anconitana che rifila quattro reti al Porto d’Ascoli giocando oltre un’ora in dieci uomini e in un solo colpo cancella l’opaca prestazione di Fabriano.

Primo tempo ricco di emozioni. Ciampelli cambia le carte in tavola schierando Marzioni dall’inizio. Il primo brivido lo regala Verdesi che si presenta a tu per tu con Battistini che respinge, ma il numero 11 ospite era in fuorigioco. L’Anconitana passa in vantaggio all’11’ con Trombetta che batte una punizione dai 25 metri, un difensore ospite devia la palla sul palo che poi colpisce il portiere del Porto d’Ascoli proteso in tuffo quanta basta per gonfiare la rete. Al 24′ ci prova Ambrosini, sempre da punizione dal limite, palla di poco sopra la traversa. La formazione di Stallone si fa vedere un minuto dopo: discesa di Ciarmela, cross per l’accorrente Rossi ed è bravo Battistini a respingere. Al 32′ la formazione ospite perviene al pareggio: Napolano calcia e la palla sbatte sul braccio di Bordi e l’ arbitro senza esitare concedere il calcio di rigore ed espelle il numero 2 biancorosso già ammonito in precedenza e lo stesso Napolano non sbaglia per la rete dell’1-1. L’esultanza del bomber biancazzurro è tutto un programma, andando a festeggiare sotto il settore riservato ai tifosi dell’Anconitana che fa esplodere l’intera tribuna. Con un uomo in meno  Ciampelli corre ai ripari: fuori Zaldua e dentro Mercurio. Nonostante l’inferiorità numerica i padroni di casa al 45′ ritrovano il vantaggio sempre con Trombetta su punizione con la palla che si insacca incrocio dei pali. Al rientro negli spogliatoi momenti di tensione lungo il tunnel.

Al rientro in campo il Porto d’ Ascoli si presenta privo del tecnico costretto a seguire la partita da una cabina radio. Ci prova subito la formazione ospite con Pietropaolo e Battistini devia in angolo. Al 12′ l’Anconitana chiude il match siglando il terzo gol: assist di Pierdomenico appena entrato al posto di Marzioni e deviazione vincente di Mansour che fa esplodere la tribuna dello stadio Del Conero. Il Porto d’Ascoli è alle corde e allora i dorici dilagano al 32′ con Ambrosini che con un eurogol fulmina Di Nardo. E’ 4-1. Un motto d’orgoglio scuote i piceni che accorciano le distanze due minuti dopo con Valentini. E’ troppo tardi però. Finisce con l’Anconitana sotto la curva a ricevere l’abbraccio dei tifosi per una vittoria meritata. 

Il tabellino

ANCONITANA – PORTO D’ASCOLI 4-2

Anconitana: Battistini, Bordi, Micucci, Visciano, Borghetti, Trombetta, Marzioni, Magnanelli, Zaldua, Mansour, Ambrosini. All. Ciampelli.

Porto d’Ascoli: Di Nardo, Petrini, Pasqualini, Sensi, Vallorani, Rossi, Ciarmela, Gabrielli, Peitro Paolo, Napolano, Verdesi. All. Stallone.

Arbitro: D’Addato di Barletta.

Reti: 11′ e 45′ Trombetta, 32′ rig. Napolano, 12’st Mansour, 32’st Ambrosini, 34’st Valentini.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia