La Samb esulta nel finale

SERIE C – Partita noiosa che i rossoblu vincono con un lampo

Poche occasioni, pochissime emozioni, ma la Samb vince lo stesso. Lo scontro diretto i zona play off tra Sambenedettese e Virtus Verona termina con il punteggio di uno a zero per i padroni di casa, con rete decisiva di Angiulli. Zironelli conferma il 3-5-2, rilanciando il rientrante D’Ambrosio e optando per il tandem argentino Botta-Maxi Lopez in attacco. Da segnalare il ritorno di Biondi dal 1′: il difensore non partita titolare dalla gara dei play-off contro il Padova lo scorso giugno. Fresco, che deve fare a meno di ben otto giocatori, lascia in panchina Marcandella e sceglie Carlevaris dal primo minuto, lasciando nuovamente fuori Rachid Arma.

Partita avara di occasioni da gol dalle prime battute, con la Samb sicuramente più concentrata nel gestire il pallone. Al 12′ traversone di Botta dalla sinistra, il centrocampista Mawuli prende il tempo ad Amadio e schiaccia di testa sul primo palo, Sibi devia in corner. Si fa vedere anche la Virtus: al 17′ Danti scarica all’indietro per l’accorrente Amadio, col rasoterra che si spegna sul fondo alla destra di Nobile, sull’azione successiva Maxi Lopez ci prova dalla distanza ma anche questa palla termia sul fondo. Samb ancora pericolosa al 29′ con Botta:  Conclusione a giro dell’attaccante argentino, che calcia da posizione defilata dentro l’area di rigore: il pallone sfiora il palo alla destra di Sibi. Ritmi che rimangono lenti al Riviera delle Palme, poche emozioni e primi tempo che termina dopo due minuti di recupero.

Nella ripresa subito un cambio nella Virtus: Cazzola, ex della partita, rileva Carlevaris. Il cambio porta subito ad un’occasione al 48′ quando l’esterno Del Carro raccoglie un filtrante di Danti e si inserisce in area calciando un destro respinto efficacemente dal portiere rossoblu. Succede poco o nulla anche nel corso della ripresa. Al 73′ Botta subisce un fallo dal limite dell’area. Zona interessante per calciare in porta, con lo stesso numero dieci che ci prova ma sbatte sulla barriera. Nella ribattuta la palla torna a lui che calcia di nuovo trovando solo il fondo del campo. Rischio enorme per i rossoblu al 78′: obile si lascia scavalcare da un lancio lungo, mancando il pallone e rischiando di essere superato dall’accorrente Delcarro, che secondo l’arbitro viene fermato in modo regolare dall’estremo difensore, tra le lamentele della Virtus. Un componente della panchina ospite viene ammonito per proteste. Situazione decisiva a meno di dieci minuti dalla fine:  Biondi, in campo dopo moltissimo tempo, viene punito col secondo giallo per un intervento falloso su Danieli. Allo scoccare del novantesimo ci prova con una botta da fuori Amadio ma la palla non inquadra la porta. Il gol decisivo arriva al 91′: punizione dai 30 metri di Angiulli, il portiere avversario Sibi devia sul palo il pallone, la sfera prende uno strano rimbalzo e si infila in rete sul palo opposto. Quattro minuti di recupero e sofferenza per la squadra di Zironelli che porta a casa una vittoria fondamentale dopo due sconfitte consecutive.

SAMBENEDETTESE – VIRTUS VERONA 1-0

RETE: 91′ Angiulli

SAMBENEDETTESE (3-5-2): Nobile; Biondi, D’Ambrosio, Enrici; Masini, Mawuli, Angiulli, D’Angelo (13’st Lescano), Liporace (13’st Malotti); Botta (45’st+3 Chacon), Maxi Lopez (30’st Nocciolini).
A disposizione: Laborda, Trillò, Cristini, Rocchi, Serafino, Mehmetaj, De Goicoechea, De Ciancio.
Allenatore: Mauro Zironelli.

VIRTUS VERONA (4-3-3): Sibi; Pessot, Visentin, Pellacani (28’sr Mazzolo), Amadio; Del Carro, Bentivoglio, Lonardi; Pittarello, Carlevaris (1’st Cazzola), Danti (14’st Danieli).
A disposizione: Chiesa, Arma, De Rigo, Manconi, Bridi, Mazzei.
Allenatore: Luigi Fresco

Arbitro

Espulsioni: Biondi (S)

Ammonizioni: Biondi (S), Pessot (V), Bentivoglio (V), Angiulli (S)

Recuperi: 2’pt