La Pasquella di carnevale e il Cantamaggio al funerale dell’ultimo stornellatore treiese

Passo Treia ha detto addio a Ferdinando Stacchiotti con il gruppo folk ‘La Martinicchia’ di Polverigi. Una regia senza precedenti prevista tuttavia dallo stesso defunto cui i familiari si sono attenuti. Affollata in ogni ordine di posto la grande chiesa parrocchiale: presenti il sindaco Franco Capponi e il vice David Buschittari. La testimonianza del ‘Maratoneta di Dio’, Ulderico Lambertucci: “Nel mio raid Macerata-Pechino, Ferdinando si mostro’ motivatore eccezionale”

Un addio per l’ultimo stornellatore come l’aveva espressamente voluto lui. Così Passo di Treia si è congedata da Ferdinando Stacchiotti, 82 anni, sulle note della Pasquella di carnevale e del Cantamaggio. Sul sagrato della Chiesa parrocchiale sold out (presenti il sindaco Franco Capponi e il vice David Bottacchiari) il passaggio della bara dagli inusuali e delicati colori lavanda con fiori dipinti, e’ stato accompagnato dal gruppo folk ‘La Martinicchia’ di Polverigi (An).

Un esemble di stornellatori e cantastorie delle Marche che ha omaggiato (“E’ la prima volta che ci capita”) il collega treiese su precise disposizione da parte dello stesso Ferdinando ai familiari. In chiesa durante il rito celebrato da padre Luciano Genga guardiano del Santuario del SS. Crocefisso (di cui il defunto era particolarmente devoto) il canto scelto è stato comunque più ortodosso: ‘Dolce sentire’, la scaletta musicale del celebre film ‘Fratello Sole, Sorella Luna’.

Sull’altare testimonianze del ‘Maratoneta di Dio’, Ulderico Lambertucci che ha avuto a fianco Ferdinando nel suo raid Macerata-Pechino nel 2006, ha detto: “Un compagno e motivatore eccezionale sempre con il sorriso sulle labbra: mai avrei fatto a meno di lui!”. La nipote Costanza, molto commossa, ha ricordato il nonno affettuoso e sempre vicino. Il presidente dell’Avulss (i volontari presenti negli ospedali e nelle case di riposo) Giorgio Salvucci, da parte sua, ha ricordato il contributo generoso di Stacchiotti, all’interno del gruppo dei Cantastorie passotreiesi, nel condurre e rallegrare i degenti e gli anziani, in particolare, di Villa Cozza a Macerata. Poi l’addio che Ferdinando ha voluto senza lacrime come un incontro cordiale tra vecchi e fidati amici sorridenti, esorcizzando francescanamente Sorella Morte (secunda).

Nel fotoservizio: immagini del funerale, con il gruppo folk de ‘La Martinicchia’ di Polverigi.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS