La Fermana e i contratti: scadenze, certezze, spine e riflessioni

Cais, Cornacchini, Boateng

SERIE C – La rosa dei gialloblu tra punti fermi e chi difficilmente rinnoverà

Maggio mese delle riflessioni. La Fermana ha i suoi contratti per le mani, quelli pluriennali che vanno oltre al 30 giugno, quelli dei prestiti che saluteranno e quelli in scadenza. Fotografia importante: chi rimarrà nella rosa del futuro?

Portieri: tra i contrattualizzati per il 2020-21 ci sarà ancora Ginestra, classe ’79. L’estremo difensore para rigori ha rinnovato già da qualche mese ma il futuro è tutto da valutare anche in base all’allenatore. Il vice Massolo è in scadenza ma comunque è piaciuto quand’è stato chiamato in causa: è chiaro però che se dovesse fare ancora il secondo Samuele difficilmente rinnoverebbe. Al terzo Colombo, invece, scade il precontratto: la Fermana dovrà decidere se dargli una chance.

Difensori: Scrosta, Sperotto, Mordini, Rossoni più l’infortunato De Pascalis hanno un contratto anche per la prossima stagione. In scadenza capitan Comotto – che dopo sei stagioni darà l’arrivederci -, Manetta, Bonetto e Mosti. Se quest’ultimo ha poche speranze di rimanere – è stato tesserato a marzo dopo il ko a “De Pa” e l’anno prossimo non sarà nemmeno più under -, ampi i discorsi che riguardano gli altri due, Manetta e Bonetto.

Bonetto

L’idea della società sarebbe quella di prendere un centrale forte e di personalità da affiancare a Scrosta – ma ci si aspetta che Edo torni ai livelli di due anni fa -, scegliendo poi un terzo stopper che possa subentrare ai titolari. Ruolo che potrebbe calzare a pennello per Bonetto stesso, centrale che dà centimetri ed affidabilità. Manetta, invece, rischia fortemente: il laziale la pagnotta se la porta a casa con l’irruenza e la prestanza fisica, ma nella bilancia pesano i troppi cartellini rossi e il poco equilibrio. Possibile che le strade si dividano. Manzi, invece, tornerà al Lille per fine prestito e si vedrà poi il da farsi. Tra i sacrificabili ci potrebbe stare Mordini.

Centrocampisti: sono di proprietà Urbinati, Graziano, l’infortunato Demirovic, Iotti e Grossi, ma gli ultimi due non sono sicuri di rimanere. Iotti è reduce da una stagione in ombra e non ha entusiasmato, Grossi è troppo poco dinamico per la mediana di Cornacchini, sempre se la trattativa per il rinnovo con il mister filasse liscia. In scadenza Grbac, che non rinnoverà, e Fabris, tesserato a marzo dopo due anni in attività: l’ex Venezia e Padova non ha avuto modo di mettersi in luce e nel corso della sua unica partita da titolare – a Legnago nell’ultimo turno – si è pure stirato…

Iotti

Dovrebbero rientrare, comunque, Isacco – fine prestito al Monopoli in una stagione dannata, da capire il da farsi: risoluzione o cessione? – ed anche Mantini e…Ruci, che avevano risolto il contratto l’estate scorsa per accasarsi in D (a Montegiorgio e Tolentino) ma con un accordo da far valere per la stagione 2021-22 in stile Cremona dodici mesi fa. Andranno via per fine prestito Bigica (tornerà alla Fiorentina) e Kasa, che in verità al Parma ci è tornato già da varie settimane a causa di un infortunio muscolare. Gli obiettivi di mercato? Un play e tanti esterni, quelli che sono mancati in questa stagione.

Attaccanti: ed eccoci al reparto che necessiterà di maggior restyling. Dell’attuale rosa, infatti, il solo Cognigni è sotto contratto. Luca, però, deve solo pensare a guarire bene dalla doppia frattura a tibia e perone e probabilmente potrà saltare le prime partite della nuova stagione. Scadranno i contratti di D’Anna, Cais e Cremona, come pure i prestiti dei big Neglia (Bari) e Boateng (Ternana).

D’Anna

Se Cornacchini rimarrà, farà del tutto per tenersi D’Anna per cui ha speso sempre belle parole. Anche Cais è stato apprezzato per duttilità e professionalità, ma al momento le priorità sono altre. Tra i prestiti, Palmieri tornerà al Lille con Manzi, mentre torneranno a Fermo Maistrello (ai playoff con il Renate dopo una stagione meravigliosa), Raffini (ai playout con la Paganese) e Nepi (ai playout con il Fano). Da capire le strade da percorrere con loro: Maistrello, in particolare, potrebbe anche essere impiegato in uno scambio importante, anche se ad un tecnico come Cornacchini potrebbe piacere per caratteristiche.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana