La fattoria biologica era in realtà un punto di spaccio: in manette un portorecanatese di 37 anni

Il casolare è stato scoperto dai carabinieri nelle campagne fra Montefano e Passatempo

Si fingevano coltivatori di prodotti biologici nelle campagne tra Passatempo e Montefano, ma in realtà in quel casolare avevano avviato una intensa attività di spaccio di sostanze stupefacenti, anche pesanti e sintetiche, con festini organizzati appositamente per reclutare nuovi giovani clienti tra Osimo, Montecassiano e Recanati. I carabinieri del Norm di Osimo hanno arrestato giovedì un portorecanatese,  di 37 anni e denunciato altre tre persone trovate dentro al casolare. Si tratta della convivente del ragazzo, 35enne impiegata e due loro amici di Reggio Emilia, un 37enne ed una 37enne.  Dalla perquisizione è emerso che il giovane portorecanatese era in possesso di 33 grammi di ketamina suddivisa in una trentina di dosi già confezionate e pronte per lo spaccio. Rinvenuti anche l’immancabile bilancino elettronico e svariati materiali per il confezionamento delle dosi. In altre stanze della casa, invece, venivano ritrovati in molteplici nascondigli piccoli ovuli e bustine di plastica nascosti in diversi mobili o tra gli alimenti. Non solo hashish e marijuana ma anche differenti tipi di droga sintetica e pericolosissima, come funghi allucinogeni, ketamina e pasticche di ecstasy.

Franco Cameli
Author: Franco Cameli

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS