La città piange Jemai, infermiere e fisioterapista dal cuore d’oro

L’uomo si è spento prematuramente a 56 anni

La città di Ascoli piange la prematura scomparsa di Jemai Abbassi, noto infermiere morto all’età di 56 anni, che li avrebbe compiuti a maggio. L’uomo, di origine tunisina, purtroppo conviveva con un male che non gli ha lasciato scampo strappandolo all’affetto dei suoi cari.

Da tutti coloro che lo conoscevano, è ricordato come una persona di altissimo livello culturale, umano e sociale. Lavorava come infermiere specializzato preso la clinica San Marco e aveva uno studio di “fisioterapia – osteopata” a piazza Immacolata in via Alessandria.

In tanti ad Ascoli avrebbero voluto dare l’ultimo saluto a Jermai Abbassi, ma lo stesso aveva espresso il desiderio di essere lavato come da rito islamico, avvolto nel velo e non essere esposto al pubblico perché la religione islamica non lo prevede. Il funerale sarà in forma privata e verrà seppellito ad Ancona nel cimitero musulmano.

error: Contenuto protetto !!