Insulti e minacce all’ex compagna, scatta il divieto di avvicinamento per un 40enne

Il provvedimento

I poliziotti della Questura di Ancona hanno disposto il divieto di avvicinamento con applicazione del braccialetto elettronico a carico di un 40enne italiano, ritenuto responsabile del reato di atti persecutori nei confronti dell’ex compagna con l’aggravante della recidiva reiterata infraquinquennale.

Il provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, prevede il divieto di avvicinamento alla vittima ed ai suoi familiari ad una distanza non inferiore a 500 metri, con l’applicazione del braccialetto elettronico, oltre al divieto di comunicare con gli stessi attraverso qualsiasi mezzo (telefono, mail, social e quant’altro).

Da quanto appreso durante la fase investigativa condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, l’indagato, nel mese di dicembre 2023, ha provocato alla donna un perdurante e grave stato di ansia e di paura, ingenerando nella stessa un fondato timore per l’incolumità propria e dei propri familiari, tanto da essere costretta a modificare le abitudini di vita come evitare di uscire per incontrare l’uomo solo, in luoghi pubblici per non restare sola con lui.

In particolare, l’uomo, la ingiuriava ripetutamente svalutandola alla presenza del figlio, controllava i suoi spostamenti e la minacciava di ucciderla, di non farle più vedere il bambino, insultava anche il padre e la sorella di lei. Alle fine di dicembre il 40enne era arrivato anche ad aggredire il cognato della donna insultando e minacciando nel contempo la stessa, urlando contro di lei alla presenza del figlio. La donna ha denunciato i fatti.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS