Insulta e picchia l’ex compagna, 40enne ammonito dal Questore

L’uomo non si era rassegnato alla fine della loro relazione

Un 40enne italiano non si era mai rassegnato alla fine di una relazione affettiva con una 30enne di origine straniera; quando lei si era recata nell’abitazione che condividevano per recuperare le sue cose e andarsene, il 40enne l’aveva aggredita a calci e schiaffi e insultata, le aveva preso il telefono e glielo aveva gettato fuori dalla porta, rompendolo.

Per tale condotta perseverante e ossessiva, rientrante nella fattispecie di atti persecutori, il Questore di Ancona Cesare Capocasa ha emesso, d’ufficio, nei confronti dell’uomoo la misura di prevenzione dell’ammonimento. Il 40enne è stato avvisato che, nel caso in cui dovesse reiterare la sua condotta verrà denunciato d’ufficio e la sua pena sarà aggravata.

Non è necessaria pertanto una richiesta o un’istanza della vittima ma, attraverso il monitoraggio costante delle situazioni a rischio ed in particolare dei cosiddetti reati spia è possibile procedere direttamente all’emissione del provvedimento. La misura di prevenzione adottata (ex art. 3 del D.L. n. 93) consente al Questore di procedere all’ammonimento del soggetto autore del fatto, nei casi in cui sia segnalato alle Forze dell’Ordine, in forma non anonima, un fatto che debba ritenersi riconducibile anche alle fattispecie di atti persecutori.
“L’attività repressiva, – commenta il questore Capocasa – pur coronata da efficaci risultati, non risulta sufficiente ad arginare un fenomeno ormai strutturale come la violenza di genere, che richiede un deciso cambiamento culturale che coinvolga tutti gli attori istituzionali e non per condividere adeguate azioni di contrasto. Una cultura che sia più forte dell’indifferenza, dell’insofferenza, dell’intolleranza, dell’ignoranza dettata dai pregiudizi. Una cultura che possa restituire a ciascuna donna il diritto ad essere pienamente libera, pienamente se stessa“.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS