Iniziano i lavori al cimitero, l’annuncio dell’assessore Foresi

Al via a Galliano da metà ottobre

Svolta al cimitero di Gallignano dove da anni si attende la riqualificazione dell’intera area cosi come la costruzione di un nuovo colombario. A darne la notizia è l’assessore alle Manutenzioni, Stefano Foresi: “I lavori sono in ritardo a causa di quanto accaduto in comune con il caso Bonci. Sono stati azzerati tutti i cantieri che erano sul punto di partire, compreso il cantiere al cimitero di Gallignano. Mercoledì verrà firmata la determina alla variante tecnica che prevede l’aumento di 5 posti nel colombario che passa da 25 a 30. I lavori partiranno entro il 20 di ottobre“.

 

“Oltre alla costruzione dei nuovi posti verrà sistemata la chiesetta che si trova al centro del cimitero così come verranno ripristinate le mura pericolanti e sostituito il cancello d’ingresso al cimitero. Tra gli interventi anche la sistemazione dell’area dove verrà realizzato il nuovo colombario. I lavori dureranno circa 3 mesi.
A Varano invece che il cantiere era già partito prima che scoppiasse il caso Bonci i lavori per 50 nuovi posti sono terminati, a giorni ci sarà il collaudo della struttura”.

Lo stesso Foresi non esita poi a chiamare in causa Anconambiente: “La pulizia e la manutenzione dei cimiteri spetta a loro, la lapide dei caduti in guerra finita vicino ai cassonetti dell’immondizia potevano rimetterla nel loro posto con un po’ di cemento”. A questo punto ai residenti di Gallignano non resta che appuntarsi questa scadenza di metà ottobre per vedere l’apertura del cantiere al cimitero dove a luglio è stato portato il bagno chimico e una sorta di rete di protezione dell’area che verrà interessata dal cantiere.

 

Una cosa è certa la questione del cimitero di Gallignano in più di una circostanza aveva tenuto banco in consiglio comunale. A sollevare la questione nell’ottobre del 2018 Antonella Andreoli, Lega Nord, che aveva presentato una interrogazione in materia per poi tornare sull’argomento nel luglio del 2019 questa volta con una mozione in cui il comune di Ancona si impegnava ufficialmente nel fare i lavori di ampliamento. La questione è stata seguita con una certa attenzione anche da Fabrizio Ferrini del Ctp9.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia