Imprenditore edile morto a Senigallia, in una lunga lettera i motivi del gesto

Il corpo di R.M, 64 anni, è stato trovato dai suoi dipendenti in un casolare

Una lettera alla famiglia in cui spiegava i motivi del suo gesto estremo. Nel pomeriggio di ieri si è tolto la vita R.M., 64 enne e noto imprenditore edile di Senigallia (leggi l’articolo). A trovare il corpo sono stati alcuni dipendenti della sua impresa i quali, allarmati, si sono fiondati in un capannone in località Molino Marazzana (sempre di proprietà dell’azienda) trovando la macchina dell’uomo parcheggiata, ma di lui nessuna traccia. Nelle vicinanze della struttura c’è un vecchio casolare, i dipendenti sono entrati trovando il loro proprietario morto. Sul posto sono arrivati immediatamente i carabinieri, i vigili del fuoco e i sanitari del 118 che hanno provato a rianimare l’uomo, ma ormai il suo cuore aveva cessato di battere. Le cause che hanno spinto l’imprenditore al suicidio sono racchiuse nella lunga lettera che ha lasciato alla famiglia prima di compiere il gesto estremo.

 

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS