Impennata di contagi, ospedale di Jesi al limite

Preoccupante situazione al “Carlo Urbani”

di Marica Massaccesi

La situazione pandemica da Covid19 ha raggiunto a Jesi livelli mai registrati finora. Questa mattina si è svolto in videoconferenza un incontro in merito: presenti il sindaco Massimo Bacci e l’assessore alla sanità Marialuisa Quaglieri con il presidente Francesco Acquaroli, l’assessore alla sanità Filippo Saltamartini e il personale Asur.

 

Nel corso della conferenza è emerso un aumento in maniera esponenziale dei casi registrati e una preoccupante evoluzione del virus verosimilmente causata dalle varianti. Nel territorio comunale, ad oggi, sono 330 le persone positive al Covid e 723 in quarantena. La situazione è al limite anche all’ospedale Carlo Urbani. “Lo stesso ospedale, che riesce comunque a garantire il pieno funzionamento dell’attività del blocco operatorio grazie ad una netta separazione tra reparti Covid e reparti Covid free, ha raggiunto il limite dei posti letto per i pazienti affetti da Coronavirus” si legge dal comunicato stampa del Comune.

L’Amministrazione comunale fornirà alle autorità sanitarie tutto il supporto possibile per fronteggiare la pandemia e per agevolare il piano di vaccinazioni over 80 e qualora l’evoluzione del contagio non dovesse arrestarsi assumerà tutti i provvedimenti che saranno ritenuti più opportuni. Gli ultimi dati aggiornati presentano 50 ricoveri al Carlo Urbani, 12 pazienti ricoverati in semi-intensiva e 9 in intensiva. In totale sono oltre 70 i pazienti covid nella struttura ospedaliera e circa otto pazienti si trovano nel pronto soccorso in attesa di un letto.

error: Contenuto protetto !!