Il Varano si presenta ai tifosi: Borroni nuovo presidente, preoccupano i problemi legati al campo sportivo

SECONDA CATEGORIA – La società rossonera svela tutta la rosa guidata da mister Tacchi, ma l’impianto per gli allenamenti è ancora inutilizzabile per il guasto alla caldaia

di Claudio Comirato

Nel campionato di Seconda categoria il Varano si è presentato ufficialmente ai propri tifosi in occasione di una serata organizzata al bar Giuliani di Ancona, storico locale di corso Garibaldi. Per quello che riguarda la conduzione tecnica è arrivata la conferma di Danilo Tacchi, tante le novità invece per quuanto riguarda la dirigenza. Giuliano Lucesoli, ormai ex presidente, ha lasciato il comando della società a Mauro Borroni che potrà avvalersi di una serie di dirigenti come Fabrizio Boncompagni, Andrea Marchetti, Angelo Abate, Maurizio Accoroni, Daniele Pediconi e Michele Lucesoli. Uno staff di tutto rispetto con la società che si è posta l’obiettivo di raggiungere quanto prima una tranquilla salvezza per poi togliersi qualche bella soddisfazione. Per quello che riguarda gli arrivi tanti i volti nuovi a disposizione di mister Danilo Tacchi. Acquisti mirati destinati a rendere la rosa ancor più competitiva in vista di un campionato difficile come quello di Seconda categoria. Tra i volti nuovi Jacopo Lodolini, Loris Gardella, Marseglia Dario, Diego Mazzieri provenienti dall’Osimo Five; Giacomo Nicoletti e Alessio Montagnoli ex Candia; Mauro Paci ex Villa Musone oltre a Marco Rivellini prelevato dal San Biagio. Varano che come nella passata stagione giocherà le gare interne all’impianto dell’Aspio.

Ciononostante destano preoccupazioni alla società i problemi relatici al campo sportivo di Passo Varano, struttura dove la società di allena. Da circa due mesi l’impianto dell’acqua calda è guasto a causa di una rottura della caldaia. Problema noto da tempo negli uffici del comune in quanto i dirigenti del Varano dalla fine del campionato di Seconda categoria quasi tutti i giorni hanno richiesto l’intervento dell’ufficio tecnico del comune per venire a capo di questa situazione che di fatto rende l’impianto inutilizzabile. Secondo una prima indiscrezione, la manutenzione di questi impianti sarebbe gestita da una ditta esterna al comune che in realtà si troverebbe  in difficoltà a garantire l’intervento per una serie di motivi. Sta di fatto che negli ultimi periodi il Varano Calcio, società dilettantistica i cui bilanci viaggiano sul filo del rasoio, si è trovata a dover effettuare degli allenamenti in altre strutture ovviamente a pagamento pur di finire la stagione sportiva nel migliore dei modi. Ma le sorprese non finiscono qui per il semplice fatto che la condotta dell’acqua che scende in direzione dell’impianto sportivo è lesionata in una serie di punti. In poche parole, dalla condotta principale parte dell’acqua giunge al campo sportivo ma una buona parte si perde lungo la strada. Utenza che risulta essere a carico della società sportiva. Per ovviare a questo inconveniente i custodi di solito riempono qualche tanica di acqua per le pulizie dello spogliato, poi di gran carriera sono costretti a raggiungere con l’auto il bivio che da Varano porta a Montacuto dove un rubinetto permette di chiudere la condotta che porta l’acqua al campo sportivo. Un mezzo incubo per chi gestisce questo impianto sportivo dove negli ultimi periodi l’erba ha raggiunto il mezzo metro di altezza.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS