Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

“Il sisma in Albania porterà nuove scosse nell’Appennino meridionale”: arriva la risposta della Protezione Civile

img

Il professor Mantovani dell’Università di Siena aveva esternato nei giorni scorsi la sua teoria

“…se io fossi il Capo della Protezione Civile deciderei di incentivare gli interventi di prevenzione nella zona dell’Irpinia, del Beneventano e di tutte le zone sismiche dell’Appennino meridionale”: così si è espresso nei giorni scorsi il professor Enzo Mantovani, docente di Fisica Terrestre presso il Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Siena, secondo il quale la sequenza sismica in Albania potrebbe portare a forti scosse di terremoto nelle regioni del Sud Italia, in particolare sull’area dell’Appennino meridionale.

Il Dipartimento della protezione civile nazionale, a seguito delle dichiarazioni del professor Mantovani ha emesso un comunicato ufficiale.

«In merito a talune dichiarazioni del professor Mantovani, docente di fisica terrestre presso l’Università di Siena, nelle quali si ritiene che l’evento sismico recentemente registrato in Albania possa essere il precursore di un terremoto che interesserà nei prossimi anni l’Appennino meridionale e si invita il Capo Dipartimento della Protezione Civile a incentivare gli interventi di prevenzione nell’area», il Dipartimento della protezione civile – riporta un lancio dell’agenzia Adnkronos – precisa in una nota che «è fortemente impegnato nella prevenzione strutturale e non».

«Ancorché la prevenzione strutturale non rientri nei compiti del Dipartimento – si legge nella nota -, allorquando il Governo, attraverso l’articolo 11 del decreto legge n. 39 del 28 aprile 2009, ha deciso di assegnare allo stesso 965 milioni di euro per la prevenzione del rischio sismico, tali risorse sono state investite nelle aree esposte a maggiore pericolosità sismica, tra cui quelle indicate nell’intervista. Con tale stanziamento sono state poste in essere importanti azioni di prevenzione strutturale e non strutturale, impegnando quasi il 60% del fondo nelle regioni meridionali per interventi di rafforzamento di edifici e infrastrutture, oltre che di microzonazione sismica e di analisi della condizione limite per l’emergenza».

«L’utilizzo delle risorse è avvenuto sulla base della mappa ufficiale di pericolosità sismica delle diverse regioni. Relativamente allo studio di fenomeni precursori degli eventi sismici il Dipartimento è impegnato con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ad elaborare un ampio progetto di ricerca da sottoporre alla valutazione della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi, proprio al fine di migliorare la sicurezza dei nostri cittadini», conclude la Protezione civile.

Nel video che segue viene spiegata la teoria sostenuta dal professor Mantovani

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar
error: Contenuto protetto !!