Il pullman non si ferma e l’arbitro resta a piedi: “Prendi il taxi, ti rimborsiamo la corsa”

CALCIO – Andrea Di Noia doveva arbitrare a Monte Urano, l’azienda titolare degli autobus di linea si è occupata personalmente di rimborsare il viaggio del direttore di gara

Doveva prender il pullman Macerata-Fermo diretto a Monte Urano, ma a causa di un’incomprensione dell’autista, l’autobus non si ferma e il direttore di gara resta a piedi. È quanto successo ad Andrea Di Noia, arbitro della sezione di Macerata e originario della Puglia, nonché studente universitario fuorisede laureando in Scienze della Comunicazione. Designato per la sfida di Terza categoria tra Atletico Monturano 84 e Lorese l’arbitro, come di consuetudine da due anni a questa parte, utilizza i mezzi pubblici per spostarsi da Macerata verso i campi sportivi della regione. Questa volta però, è accaduto l’inverosimile. L’ultimo autobus di linea a disposizione per arrivare in orario alla partita, in programma alle 14.30, non si è fermato. Immediatamente il signor Di Noia si è rivolto all’azienda proprietaria dei pullman di linea denunciando il disagio creato da un proprio autista. “Prendi il taxi, inviaci la fattura e ti rimborsiamo la corsa”, la cordialità e la disponibilità dall’altra parte del telefono ha spiazzato il direttore di gara che è riuscito, seguendo l’indicazione della segretaria e dopo alcuni patemi d’animo, ad arrivare in perfetto orario (anche prima del pullman) al campo sportivo Sant’Andrea di Monte Urano per poter arbitrare regolarmente la partita.

m.r.

    Ti potrebbero interessare

    Articoli più letti della settimana

    Articoli più condivisi

    Ultime dalla provincia