Il Porto D’Ascoli vola in Serie D

L'esultanza del Porto D'Ascoli

Finale incredibile a Jesi, alla fine la decide il gol di Napolano

Alla fine la vince il Porto D’Ascoli e vola in Serie D per la prima volta nella sua storia. Al Carotti di Jesi una partita incredibile tra noia iniziale e un susseguirsi di emozioni nella ripresa. Alla fine a decidere la finale storica di Eccellenza Marche è un gol di Giordano Napolano.

Sbadigli e poche emozioni con le due squadre dominate dalla paura e dall’assoluta repulsione verso la sconfitta. Sicuramente la squadra di Fucili ha provato più a dominare il gioco con il possesso mentre il Porto D’Ascoli si è chiusa con le consuete due linee. Prima vera occasione quindi solo al 40’ con il lancio di Zandri per Conti che ha crossato verso Barattini che arriva in ritardo al tap in. Testa blocca. Al 43’ però lo squillo arriva dal Porto D’Ascoli: D’Alessandro offre in area a Napolano che in diagonale non sbaglia, incrocia e batte Piagnerelli per il vantaggio della squadra in tenuta orange.

Secondo tempo subito di marca picena. Dopo neanche trenta secondo Napolano semina ancora il panico in area con un tiro deviato sull’esterno della rete. Dal corner seguente D’Alessandro, lasciato solissimo appena fuori l’area piccola, colpisce in corsa ma mette alto sopra la traversa. La Forsempronese si riversa davanti, la ripersa è sicuramente più frizzante. Minuto fondamentale il 17’. D’Alessandro recupera un pallone in scivolata in area di rigore in contrasto con un avversario. Proteste vibranti della Forsempronese per un possibile calcio di rigore. Proteste che si fanno eccessive però per Pagliardini, reo di aver attaccato con parole troppo scomode l’arbitro Sabbouh che estrae in rapida successione prima un giallo e poi un rosso proprio all’indirizzo dell’attaccante della Fossembronese. Nozze d’argento del secondo tempo e i pesaresi ci provano. Tiro rasoterra di Pagliari dal limite, molto insidioso, bravo Testa ad allungarsi basso sulla sua sinistra e deviare la sfera. Le emozioni non finiscono. Cross di Zandri e c’è un braccio largo in area del Porto D’Ascoli. Per il direttore di gara è penalty. Sul dischetto si presenta al 35’ Procacci che però incrocia debolmente con parata di Testa. Sulla ribattuta Marongiu sotto porta spara clamorosamente alto. Testa che diventa eccezionale su Pagliari che allo scadere dei novanta minuti in rovesciata prova a far venire giù lo stadio. Sofferenza nel finale ma dopo quattro minuti di recupero la gioia è tutta per il Porto D’Ascoli.

FORSEMPRONESE – PORTO D’ASCOLI 0-1

FORSEMPRONESE (4-3-1-2): Piagnerelli, Marongiu, Camilloni, Rovinelli, Zandri (42’st Cecchini); Conti, Pandolfi (25’st Pagliari), Zingaretti (15’st Bucchi); Paradisi; Pagliardini, Barattini (15’st Procaci). A disposizione: Chiarucci, Urso, Ciampiconi, Benedetti, Arcangeletti. Allenatore: Michele Fucili.

PORTO D’ASCOLI (4-3-3): Testa, Petrini, Sensi, Passalacqua, Pasqualini, Rossi, D’Alessandro, Evangelisti; Napolano (10’st Puglia), Shiba (36’st Fabrizi), Battista (42’st Cinaglia). A disposizione: Cannella, Traini, Orsini, Centi, Massi, De Cesare. Allenatore: Davide Ciampelli.

ARBITRO: Sabbouh di Fermo.

RETI: 42’pt Napolano.

ESPULSIONI: Pagliardini (F).

NOTE: Ammoniti: Evangelisti (P), Barattini (F), Pagliardini (F), Cinaglia (P). Recuperi: 0’pt, 4’st.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi