Il Porto D’Ascoli fa paura e non ha paura: curiosità tattica sui corner

SERIE D – Ciampelli ne lascia tre davanti e uomo contro uomo in area di rigore

Il Porto D’Ascoli è primo in classifica nel campionato di Serie D, Girone F. La squadra di Ciampelli, battendo anche il Fano, è capolista con 11 punti dopo 5 giornate. Come sono arrivate è presto detto: umiltà, velocità e tecnica nelle transizioni offensive, spirito di gruppo. Lo ha detto lo stesso Ciampelli qualche settimana fa: “Stiamo vincendo come dobbiamo vincere noi, soffrendo”.

Questo potrebbe far pensare ad un Porto D’Ascoli non dominante, non acuto di possesso, ma è tutto voluto. La strategia dell’identità orange è chiara ma non per questo si può parlare di paura. Ci sono diversi esempi nel modus operandi che possono oggettivamente far capire la cosa. Quello più netto, oltre alla qualità da esprimere di per sé, è una parte tattica interessante sui calci piazzati a sfavore. Prendiamo in esempio un corner battuto dal Fano nel match di domenica al Riviera, ma certo ce ne sono molto altri simili da cui prendere esempio.

Ciampelli lascia 5 “coppie” per la marcatura (dalla foto ne vediamo quattro all’interno dell’area piccola e una fuori), il cancelletto sul palo e un libero. Molto interessante notare come si preferisca questo al seguire anche l’eventuale uomo al limite dell’area, in questo caso praticamente libero.

Le “coppie” in area di rigore

Ma la sensazione della non paura sta davanti. Tre uomini in fase offensiva pronti a ricevere la ripartenza, cosa che obbliga gli allenatori avversari a tenere anch’essi almeno tre uomini dietro. Nell’immagine che vi proponiamo un calciatore orange sta recuperando un po’ per chiudere l’uomo al limite, questo avviene anche in base alle caratteristiche di calcio da fuori degli avversari. Un banale seppur realistico “Quello calcia bene, chiudilo” oppure “Stai su non avere paura”. Di sicuro al Porto D’Ascoli non manca il coraggio, ne in fase difensiva che in quella offensiva.

I tre davanti e un recupero sull’uomo

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia