Il Pd striglia Marini, Gregori e i dissidenti: un commissario per il Circolo Nord

Alessandro Marini

Cinque ribelli Dem invitati alle audizioni della Commissione di garanzia

 

Erano iscritti al Partito Democratico, ma alle elezioni comunali del 3 e 4 ottobre si erano candidati con la lista rivale Democratici per Canducci. Ora è arrivata la lettera di convocazione da parte della Commissione di garanzia provinciale per i cinque dissidenti: Alessandro Marini, Sabrina Gregori, Catia Nucci, Fabrizio Oddi ed Ermanno Consorti. Va da sé che la sezione San Benedetto Nord venga commissariata, in quanto è Marini il segretario di sezione.

Sabrina Gregori

“Al momento – spiega Claudio Benigni, segretario dell’Unione comunale del Pd di San Benedetto Tronto – la Commissione di garanzia ha inviato delle lettere ai cinque, invitandoli alle audizioni nella sede di Ascoli Piceno. La Commissione di garanzia non potrà fare altro che applicare lo Statuto, che dichiara decaduti dal partito i tesserati che si candidano in una lista avversa”.

Le lettere non sono state inviate a Nicola Rosetti e Maria Rita Morganti, anch’essi candidati con Canducci, in quanto non erano più iscritti al Pd. “I cinque hanno danneggiato il Partito Democratico: se non si fossero candidati con Canducci, con in tasca la tessera del Pd, certamente la nostra candidata sindaca Aurora Bottiglieri sarebbe andata al ballottaggio al posto di Spazzafumo. Per quanto riguarda il Circolo Nord ci dovrebbe essere a breve il commissariamento, in quanto è paralizzato da questa situazione”.

Conclude Benigni: “Ho apprezzato la trasparenza della Morganti, che prima si è dimessa dal Pd, poi è passata con Canducci. Anche Rosetti non era più tesserato quando si è candidato. Sono questi comportamenti lineari che dovrebbe seguire chiunque non è più in linea con il partito”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia