Il nuovo Dpcm frena i dilettanti e il mercato dell’Anconitana

Stefano Marconi, patron Anconitana

ECCELLENZA – Fino al 5 marzo vietati gli allenamenti collettivi

E’ stato tutto tranne che un fulmine a ciel sereno visto l’andamento della pandemia. Il riferimento non può che essere all’ultimo DPCM che blocca gli sport di contatto i cui campionati non hanno rilevanza nazionale fino al prossimo 5 Marzo. Si potranno fare gli allenamenti individuali ma resta vietato l’uso degli spogliatoi.

Un decreto che di fatto interessa il calcio dilettantistico regionale che di fatto dovrà attendere il prossimo 5 marzo per sapere se ci sarà poi una data per la ripresa dei campionati dall’Eccellenza alla terza categoria settore giovanile e scolastico compreso. Il rischio più che concreto è quello di ritrovarsi ad una ulteriore proroga dopo la data di marzo il che potrebbe significare l’annullamento della stagione sportiva.

In un clima di grande incertezza è praticamente impossibile fare operazioni di mercato anche per il fatto che nessuno al momento è in grado di indicare una data circa la ripresa dei campionati. Tutto dipenderà dalla curva pandemica per rivedere la luce in fondo al tunnel. E in questo clima di grande incertezza sul futuro della stagione tornano in mente le parole spese da Stefano Marconi presidente dell’Anconitana che nei giorni scorsi aveva messo in risalto proprio questo aspetto con la società dorica che dopo essersi privata di numerose pedine ora si ritrova sul mercato alla ricerca di giocatori che possano fare il caso dell’Anconitana. Un mercato difficile dove nessuno al momento è in grado di indicare una presunta data circa la ripresa dei campionati.

error: Contenuto protetto !!